“Questi poveri stracci” – Grande successo per l’iniziativa promossa dalla Fondazione Gianfranco Fedrigoni

istocarta

IL BORGHIGIANO FABRIANO IL BLOG DELLE MARCHE – (Riceviamo e pubblichiamo) – Un nuovo grande successo per l’iniziativa promossa dalla Fondazione Gianfranco Fedrigoni, Istituto Europeo di Storia della Carta e delle Scienze Cartarie (ISTOCARTA) in occasione della XIV edizione della Settimana della Cultura d’Impresa – evento nazionale promosso da Confindustria e MUSEIMPRESA (Associazione Italiana Archivi e Musei d’Impresa) – dedicata a “L’impresa va in scena”, leitmotiv che ha portato i più famosi archivi e musei d’Impresa del Made in Italy ad interpretare i valori della cultura imprenditoriale. Un video di carta: luoghi, volti e produzione della cartiera fabrianese degli anni ’50, così la Fondazione G. Fedrigoni ISTOCARTA quest’anno – dopo il grande successo ottenuto nella scorsa edizione 2014 – ha invitato nuovamente il pubblico a visitare, dal 10 al 20 novembre 2015, l’Archivio delle Cartiere Miliani Fabriano, che ha fatto da sfondo alla proiezione di un video inedito custodito da anni nel prezioso “Fondo fototeca/videoteca” e recentemente digitalizzato, su richiesta di ISTOCARTA, dall’Archivio Nazionale del Cinema d’Impresa di Ivrea (TO) con autorizzazione della Videa s.r.l., che ne detiene i diritti, e ne ha gentilmente concesso la proiezione. Un vero e proprio cortometraggio cinematografico, girato all’interno delle Cartiere Miliani Fabriano del secondo dopoguerra, tratto da una pellicola del 1951, “Questi poveri stracci”, realizzato da grandi professionisti dell’epoca: regia di Ugo Fasano (1907 – 2002), musiche di Enzo Rossellini (1908 – 1982) compositore e critico musicale, autore di numerose musiche per il cinema (fratello del regista Roberto Rossellini) ed immagini di Gábor Pogány (1922 – 1999) ungherese nazionalizzato in Italia, direttore della fotografia a Cinecittà (Roma). Una testimonianza di un “aspetto poco conosciuto,

Precedente Rapaci per allontanare piccioni Successivo La ludoteca "Sirio" a Urbino fa riscoprire i giochi di un tempo