Abbuffate di Pasqua, raffiche di malori e tre anziani soccorsi al ristorante

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

San Benedetto, 29 marzo – E’ stata una Pasqua e un lunedì dell’Angelo all’insegna della serenità su tutta la Riviera delle Palme. Il tempo ha retto in entrambe le giornate e i turisti hanno potuto fare belle passeggiate e gustare le tipicità del territorio. Ristoranti affollati in centro, sul lungomare e al gran completo anche gli agriturismo disseminati nell’immediato entroterra. Nel giorno di Pasqua, nonostante non vi sono stati eventi di cronaca, incidenti e infortuni di particolare rilievo, hanno avuto un gran da fare gli operatori del 118 e della Potes di San Benedetto per via dei tanti malori che si sono registrati nei ristoranti e nelle abitazioni, in particolar modo a causa delle grandi abbuffate. Dalle 13,30 alle 17 gli equipaggi del 118 hanno eseguito diversi interventi nei ristoranti. Vittime dei malori le persone non più giovani che i familiari hanno voluto portare a pranzo fuori per far trascorrere loro un giorno diverso. Gente con più di un acciacco e in qualche caso non è andata secondo i buoni propositi. In un ristorante nel centro di San Benedetto è stato soccorso un anziano colto da un improvviso malore. Trasportato al Pronto Soccorso si è ripreso, ma già la mattina di Pasqua aveva avuto problemi di carattere intestinale. Un’altra persona, di una certa età, è stata soccorsa nel ristorante di uno stabilimento balneare sul lungomare sud di Grottammare e un’altra ancora soccorsa mentre era a pranzo in un noto agriturismo di Montalto Marche. Persone cardiopatiche o con altri seri problemi che nel giorno di Pasqua si sono lasciate prendere dalla bontà e dall’abbondanza del cibo ed hanno rischiato guai seri. A pomeriggio avanzato sono iniziati i soccorsi a domicilio, almeno una mezza dozzina. Stessa musica, malori legati a indigestioni in persone con problemi di salute di varia natura. A complicare le cose, in un Pronto Soccorso già affollato da persone che vi si erano recate da sole o accompagnate da familiari, per diverse situazioni, anche un paio di bambini che si sono feriti con il coltello nella fretta di trovare la sorpresa all’interno dell’uovo di Pasqua. Per loro, molto spavento, qualche punto di sutura e poi il ritorno a casa. Hanno avuto il loro bel da fare, fino a notte, anche i medici di turno alla Guardia Medica. Ambulatorio dell’ospedale affollato e decine di visite a domicilio.

Marcello Iezzi

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Giocamondo, trecento posti di lavoro nei centri vacanza per ragazzi Successivo Causa Penzi, Saitta: «Se si tagliano i servizi sociali me ne vado»