Acqua non potabile a Porto Recanati: arrivano le autobotti

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Porto Recanati (Macerata), 11 dicembre 2015 – Di nuovo acqua non potabile a Porto Recanati. L’Asur ha comunicato l’esito delle analisi sul campione di acqua prelevato il primo dicembre ai punti di prelievo della fontana pubblica mercato coperto (serbatoio Montarice) e della fontana pubblica cimitero (serbatoio Villa Gigli): è emersa la presenza di trialometani in concentrazione pari a 42 ( limite consentito 30) per la fontana pubblica del mercato coperto e 76,8 per la fontana pubblica cimitero.

Per questo il commissario Mauro Passerotti ha ravvisto la necessità di dover intervenire immediatamente per la tutela, la salvaguardia dell’ igiene e della salute pubblica, vietando da oggi in tutto il territorio comunale l’utilizzo dell’acqua ai fini potabili e alimentari erogata dai serbatori « Montarice» e « Villa Gigli».

Non solo, l’ufficio tecnico del Comune ha immediatamente provveduto in collaborazione con l’Astea a predisporre su tutto il territorio comunale il servizio di emergenza idrica. Cinque le autobotti che erogano acqua nei seguenti punti: Montarice incrocio tra viale dei Pini e zona Peep, parcheggio Pastrengo, viale Europa di fronte la caserma dei carabinieri, parcheggio Galileo Galilei, Montarice via Betulle e incrocio via dei Tigli, Scossicci davanti all’Hotel Giannino. Operativi inoltre 2 punti di distribuzione di buste da 30 litri ciascuna a partire dalle 18 nella zona di Santa Maria in Potenza.

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Tentano rapina in alimentari, arrestati Successivo Il barista non gli serve da bere, ubriaco lo minaccia con il coltello