“Adesso può bastare”, ristoratore si spara alla tempia

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
Il Borghigiano Il Resto del Carlino

Ancona, 13 ottobre 2014 – «DIREI che adesso può bastare». Sono le ultime, terribili, cinque parole che Luciano Berti, noto ristoratore anconetano di 65 anni, titolare del ‘Morsi e sorsi’, ha postato su facebook prima di farla finita.

Per farlo ha trovato la forza sufficiente per premere il grilletto di una pistola e spararsi un colpo alla tempia. E’ stata una sua  conoscente, con cui si stava recando a cena, a scoprire il cadavere all’interno della sua auto, una Audi, parcheggiata in una rientranza lungo la provinciale del Conero sopra la sua amata baia di Portonovo.

L’amica lo precedeva in auto mentre si stavano dirigendo in un locale proprio della baia; all’improvviso lo ha perso di vista, tornata indietro ha prima notato l’auto e quindi il corpo nell’abitacolo. L’allarme al 118 è subito scattato, ma una volta sul posto i sanitari hanno potuto fare ben poco.

Qualcosa è senz’altro successo in quel lasso di tempo, da quando l’amica ha perso di vista la sua auto. Magari un messaggio o una notizia, all’improvviso. Sono intervenute anche le forze dell’ordine e poco dopo sono arrivati pure i suoi amici del cuore sbigottiti da quanto accaduto.



 

Precedente «Direi che adesso può bastare» Dopo il post su facebook si spara l'enologo Luciano Berti Successivo E' morto Paolo Peverieri Il mago dello stoccafisso