Aggredisce figlio che non fa i compiti, padre condannato

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ancona, 12 giugno 2015 – Aggredisce il figlio che si rifiuta di fare i compiti e viene condannato per abuso di mezzi di correzione. La condanna alla pena (sospesa) di tre mesi di carcere è stata inflitta oggi dal tribunale di Ancona a un imprenditore di 54 anni per un episodio che risale al 9 marzo del 2010, nel Senigalliese.

L’imputato aveva reagito violentemente al comportamento del ragazzino, che faceva la prima media: lo aveva preso per il colletto della felpa e buttato sul letto, mettendosi sopra di lui per immobilizzarlo. Si fermò quando la moglie (ora ex), che intervenne con l’altra figlia diciottenne, chiamò i carabinieri. L’imprenditore, difeso dall’avvocato Giuliano Natalucci, è stato sentito in aula: ha ammesso di aver forse esagerato, spiegando che stava vivendo un momento di grave difficoltà per il lavoro e anche con la moglie da cui poi si era separato. Per questo, ha aggiunto, era molto nervoso ma non aveva nessuna intenzione di far male al figlio. Sono state ascoltate anche l’ex moglie e la figlia, in lacrime durante la deposizione. Per la difesa non vi sarebbe stato alcun reato. Il tribunale invece ha condannato l’uomo.



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Furto al bar della stazione, fuggono con 500 euro Successivo Pesaro, Lucia Annibali conforta Pietro vittima dell'acido della coppia diabolica