Aggredisce la sorella e i poliziotti

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
FONTE IL RESTO DEL CARLINO

Fermo, 28 ottobre 2014 – È rientrato in casa in preda ai fumi dell’alcol e dopo un battibecco con la sorella, le si è scagliato contro per aggredirla. Stessa cosa ha fatto con poliziotti e carabinieri, tant’è che la sua scorribanda è finita in un letto di ospedale del reparto psichiatrico. È accaduto ieri notte in via Montone e protagonista delle aggressioni è stato S.C., 35enne di Fermo già noto alle forze dell’ordine.

Era da poco passata la mezzanotte quando il giovane, dopo aver alzato un po’ troppo il gomito, ha fatto rientro nell’abitazione dove vive con la famiglia. La sorella, vedendolo entrare in quello stato, si è subito preoccupata ed è nata una violenta discussione. Il 35enne, in stato di alterazione, ha perso subito le staffe e le si è scagliato contro. La ragazza dopo l’aggressione è riuscita a divincolarsi e a chiamare il 113.

Sul posto sono tempestivamente intervenuti gli uomini della squadra volante del commissariato di Fermo, che una volta raggiunta l’abitazione, hanno cercato di riportare la calma. Di tutta risposta il giovane, dotato di una mole piuttosto massiccia, si è lanciato contro i poliziotti, sputando e aggredendoli. La situazione si è fatta ancora più drammatica ed è stato necessario anche un intervento di supporto dei carabinieri. I rinforzi hanno permesso di bloccare l’azione del 35enne, che è stato immobilizzato e condotto al pronto soccorso del ‘Murri’ per essere sedato.

Una volta in ospedale, invece di calmarsi, il giovane ha ricominciato a dare in escandescenze, seminando il panico tra il personale sanitario e tentando la fuga. Alla fine c’è voluto anche l’intervento degli agenti privati della Fifa Security, che insieme ai poliziotti, hanno impedito ulteriori aggressioni. Seppur con difficoltà, le forze dell’ordine sono riuscite a condurre il 35enne nel reparto di psichiatria, dove dopo essere stato sedato, è stato ricoverato per un trattamento sanitario obbligatorio. Per lui ora scatterà la denuncia per resistenza a pubblico ufficiale e per maltrattamenti in famiglia.



Precedente Rogo nella notte ​all'azienda Fiorini Distrutta la struttura con l'archivio Successivo Lite tra amiche del cuore, studentesse organizzano su Facebook spedizione punitiva