«Ahi, mi hai urtato». E’ la truffa dello specchietto: denunciati in quattro

truffa specchietto

IL BORGHIGIANO FABRIANO © IL BLOG – Mentre fa manovra con l’auto per uscire dal parcheggio del supermercato sente urlare: «Mi hai urtato, ahi il braccio! Chiamiamo la polizia». Poi offre allo sventurato di chiuderla con poche decine di euro, senza scaricare l’assicurazione. La truffa dello specchietto approda anche a Jesi.

Denunciati per truffa dalla Polizia quattro uomini residenti nel Sud Italia.

Specchietti rotti (già danneggiati) o pedoni urtati (per finta) all’orgine della truffa che sembra privilegiare anziani e donne intenti a fare manovra in parcheggi particolarmente affollati.

I quattro già ricercati per truffe analoghe in varie parti d’Italia, sono stati individuati grazie anche alle telecamere dei negozi oltrechè le preziose testimonianze degli automobilisti sventurati.

Proseguono le indagini del locale commissariato diretto dal vicequestore aggiunto Antonio Massara per contrastare il sempre più diffuso fenomeno delle truffe ai danni delle persone più anziane o fragili. (FONTE IL RESTO DEL CARLINO)

Precedente Fermo, spariti orologio e gioielli I ladri a casa di Bagalini del Pd Successivo Capossela e Vecchioni a Musicultura