Ai nastri di partenza la 55ª Stagione Concertistica

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
FONTE IL RESTO DEL CARLINO

Pesaro, 06 novembre 2014 – Ormai «condannata» ad elargire esibizioni di alto livello nonostante i continui tagli ai contributi pubblici e in presenza di sponsor privati meno munifici che in passato, la cinquantacinquesima stagione dell’Ente concerti è pronta a partire con un cartellone più ricco del solito e con una vera “chicca”, il concerto-evento che il maestro Riccardo Muti terrà per la prima volta al Teatro Rossini martedì 16 dicembre con l’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini su musiche di Schubert e Cajkovskij.

Una stagione che dunque tiene fede «agli impegni a cui la città è abituata» ha detto l’assessore alla Bellezza, Daniele Vimini, facendo riferimento anche alla candidatura per diventare “Città della musica” il cui verdetto è atteso a fine mese, con artisti, collaborazioni, anche sperimentazioni di grande spessore artistico. Sono due le cifre distintive del programma di impianto prevalentemente classico presentato oggi alla presenza dei rappresentati delle maggiori istituzioni musicali pesaresi.

L’omaggio all’opera di Rachmaninov che vedrà protagonista il maestro Federico Mondelci e l’Orchestra Filarmonica Marchigiana nel concerto inaugurale di venerdì 14 novembre; e le spericolate, quanto originali sperimentazioni che sconfinano nei generi musicali che porteranno il gruppo vocale a cappella “Alti e bassi” a cimentarsi con Bach e Jannacci (sabato 24 gennaio), e il pianista jazz Danilo Rea a misurarsi con le musiche di Ravel, Puccini, Faurè e Cajkovskij (venerdì 6 marzo). Non mancano i grandi interpreti, dal pianista russo Grigory Sokolov (giovedì 12 febbraio) all’italiana Gloria Campaner (venerdì 17 aprile). Spazio anche agli astri nascenti come il pianista Giuseppe Albanese, che ha inciso al Pedrotti per Deutsche Grammophon (venerdì 13 marzo).



 

Precedente FABRIANO - Lavoratori in fuga da Fabriano. In un anno siamo 400 di meno Successivo Bm, per Adusbef Bankitalia viola norme