Allarme a Piediripa, scoperta una discarica abusiva di rifiuti pericolosi

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Macerata, 28 ottobre 2015 – Un’area utilizzata come deposito d’auto e mezzi pesanti da demolire è stata sequestrata dalla polizia stradale a Piediripa. Gli agenti hanno trovato decine di mezzi in stato di avanzato degrado con dentro rifiuti speciali pericolosi. L’area, di circa 500 metri quadrati, secondo le indagini era stata concessa dal proprietario a un cittadino di nazionalità nigeriana, in comodato d’uso. Sono stati denunciati i legali rappresentanti della ditta e il gestore dell’attività commerciale che ora rischiano l’arresto da sei mesi a due anni un’ammenda da 2.600 euro a 26.000 euro. L’operazione è stata condotta, con una serie di sopralluoghi per accertare la situazione, dalla sezione di polizia giudiziaria della stradale di Macerata diretta dal vice questore aggiunto Stefania Minervino insieme con gli agenti della polizia provinciale coordinati dal capitano Alberto Casoni. In particolare, nell’area, sono stati trovati e sequestrati 20 autocarri, di cui uno pesante, e sei auto palesemente dismesse dalla circolazione, nei cui interni erano stati inoltre depositati accumulatori esausti. Sono stati inoltre rinvenuti motori derivati dall’attività di autodemolizione, frigoriferi e frigocongelatori, svariati televisori, computer, stampanti, alcuni fax, condizionatori, oltre a ben 45 accumulatori al piombo esausti, suole di gomma per calzature, utensili da cucina usati, passeggini e letti per bambini, biciclette, ciclomotori, pneumatici, infissi da abitazione, cumuli di portiere di autocarri e altri pezzi di veicoli demoliti. Considerata la totale irregolarità di tale promiscuo e pericoloso deposito di rifiuti speciali, l’area è stata immediatamente posta sotto sequestro penale ed è partita la procedura mirata alla bonifica dell’intera zona nociva. Proseguiranno gli accertamenti per stabilire l’eventuale provenienza illecita dei veicoli rinvenuti. 

 

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Il centrodestra si spacca: Piunti e De Vecchis vanno da soli Successivo «Tanto sesso, siamo inglesi». Rinviato l’incontro con Antonio Caprarica