Allerta caldo: weekend con il picco di malori

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Fermo, 18 luglio 2015 – Anche se il picco massimo del caldo è previsto per oggi e domani, ieri e l’altro ieri sono state altre due giornate caratterizzate dall’afa e da decine di malori in tutto il Fermano. Tante le emergenze affrontate dal personale medico e sanitario del 118, a cui si sono aggiunti gli interventi domiciliari effettuati dalle pubbliche assistenze e l’aumento di utenti giunti al pronto soccorso di Fermo, pari a circa al 20% in più rispetto allo standard stagionale.

I malori per cui è stato necessario l’intervento del 118 negli ultimi due giorni sono stati 43, di cui uno mortale a Porto San Giorgio, in cui è deceduto un anziano affetto da gravi problemi cardiaci. Nello specifico i più impegnati sono stati gli operatori della Croce Verde di Fermo, che solo ieri hanno effettuato sei interventi. A seguire la Croce Verde Valdaso, la Croce Verde di Porto Sant’Elpidio e la Croce Azzurra di Porto San Giorgio, tutte con quattro. A Petritoli, la Croce Arcobaleno ha soccorso una persona giunta addirittura allo stato di disidratazione.

In tanti sono ricorsi alle cure del pronto soccorso accusando malori legati all’eccessiva calura, alcuni dei quali in gravi condizioni. Perdita di coscienza, svenimenti, causati da disidratazione, vasodilatazione e febbre sono i sintomi maggiormente dichiarati dai pazienti. Nei bambini solo casi di febbre, mentre il malore più accusato tra gli anziani è lo svenimento.

«La categoria più a rischio per il caldo – spiega il primario del pronto soccorso Fabrizio Giostra - resta sempre quella dei pazienti che sono affetti da malattie croniche (cardiopatici, diabetici, pazienti con patologie respiratorie e neurologiche) e degli anziani, pertanto predisposti ad essere maggiormente colpiti dall’estremo calore». Giostra rinnova le solite raccomandazione per evitare colpi di calore: «Bere molto, restare in luoghi freschi ed evitare cibi pesanti. Nei casi di avvertimento di malore, ovviamente in base alla gravità dei sintomi, è bene rivolgersi al medico di famiglia, una figura che va recuperata nella sua centralità e potenzialità, e che in questi casi è fondamentale in quanto perfettamente a conoscenza della patologia del proprio paziente».

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente L'Oroscopo di oggi gli astri del Borghigiano Successivo Una Iena al Museo del Balì, Viviani assapora ‘Il gusto della scienza’