Allontanati, volontari si vendicano distruggendo le ambulanze

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Falconara, 22 settembre 2015 – Allontanati dalla Blu Pubblica Assistenza dove facevano i volontari, si erano vendicati distruggendo le ambulanze, ma avevano voluto strafare: su uno dei mezzi avevano lasciato un biglietto beffardo scritto a mano, che ha permesso di identificarli in poche ore.

Sono finiti a processo Yuri De Angelis, 32enne anconetano, e Achille D’Angelo, 24enne falconarese, accusati di danneggiamento aggravato. D’Angelo ha già patteggiato una pena a 4 mesi di reclusione, l’altro ha scelto il rito ordinario e ieri a Ancona si è svolta l’ultima udienza prima della sentenza.

L’incursione dei due giovani all’interno della sede della Blu, che all’epoca si trovava in via del Consorzio, risale alla notte tra il 28 febbraio e il primo marzo 2010: i due, che avevano prestato servizio come volontari alla onlus falconarese, che si occupa di trasporto sanitario, volevano vendicarsi per essere stati invitati a non ripresentarsi più.

Erano quindi entrati nottetempo in associazione e si erano accaniti contro l’ambulanza della Blu, contro il mezzo utilizzato per il soccorso animali e contro un furgone sempre intestato alla onlus.

Avevano tranciato tutti i cavi del cruscotto, sventrato i sedili e ad uno dei mezzi avevano messo anche il sapone nel motore. Il presidente dell’associazione, Gilberto Principi, era stato avvertito alle 7 del mattino di quanto era accaduto. Subito era stato trovato il biglietto con cui i vandali si erano firmati: «Tagliando effettuato. Importo 50mila euro. Suca».

La calligrafia e l’espressione dialettale avevano subito portato i responsabili della Blu a sospettare di D’Angelo e l’intuizione era stata comunicata ai carabinieri, che si erano presentati subito a casa del ragazzo, all’epoca appena 18enne. Il giovane, che era ancora mezzo addormentato dopo la notte brava, aveva subito ammesso i danneggiamenti e aveva fatto il nome dell’amico. Ieri in aula, dove si è svolto il processo a carico di De Angelis, difeso dall’avvocato Nicoletta Pelinga, sono stati ascoltati il presidente Principi, un volontario della Blu, un carabiniere e il responsabile dell’officina che aveva stilato il preventivo delle riparazioni, del valore di 12mila euro. La Blu, attraverso l’avvocato Daniele Valeri, si è costituita parte civile e chiede 15mila euro di risarcimento. L’udienza è stata aggiornata al 12 ottobre.

Alessandra Pascucci

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Civitanova, oggi l'addio all'ex dipendente Atac stroncato da un malore durante una festa Successivo Corridonia, raid a segno in due abitazioni Derubato anche un ex consigliere comunale