Alphonso Johnson, Frank Ricci & Chester Thompson Trio nelle Marche

IL BORGHIGIANO IL BLOG DI FABRIANO E DELLE MARCHE – La sezione ritmica dei mitici Weather Report a supporto del virtuosismo chitarristico di Frank Ricci ,giovedi 2 Marzo al teatro la Vittoria di Ostra -An

Frank Ricci : chitarra
Chester Thompson : batteria
Alphonso Johnson : basso

Ticket online :
http://bookingshow.it/ALPHONSO-JOHNSON-FRANK-RICCI-CHESTER-THOMPSON-TRIO-Biglietti/94702

Chester Thompson : Dal Jazz (Weather Report), al Rock (Frank Zappa and the Mothers), al Pop (Genesis/Phil Collins) al Gospel (Ron Kenoly, Rebecca St. James), la batteria di Chester Thompson ha attraversato ogni genere scrivendo autentiche pagine di storia.


Alphonso Johnson : grande innovatore del basso, famoso stickista jazz fusion. Nella sua cariera ha suonatoe registrato con artisti come i Weather Report, Carlos Santana, Billy Cobham, Wayne Shorter, Crusaders, Stanley Clarke, Quincy Jones, Sarah Vaughan, Phil Collins, Pino Daniele…

Frank Ricci : geniale chitarrista rock fusion marchigiano, ha già nel suo carnet collaborazioni con Paul Gilbert, aperture live per Steve Lukather dei Toto, Stef Burns, Allan Holdsworth, Richie Kotzen, Andy Timmons, Eric Johnson e ben due clinic con Steve Vai.
Originale creatività compositiva, potenza rock, anima blues delle sue composizioni sono gli elementi del sua presa su pubblico ed artisti.

Ingresso 15€

Info: 329 4295102 – 333 2527862

In collaborazione con il COMUNE DI OSTRA e LA RAGOLA COUNTRY HOUSE www.ragola.it

Chester Thompson (batteria)

Chester Cortez Thompson (Baltimora, 11 dicembre 1948) è un batterista statunitense. Si affermò suonando in tour in una delle più apprezzate formazioni allestite da Frank Zappa fra il 1973 e il 1974. Con Zappa partecipò all’incisione di album come One Size Fits All e Roxy & Elsewhere. Nel 1977 partecipò al tour mondiale dei Genesis dal quale fu tratto il doppio live Seconds Out come secondo batterista; la sua collaborazione col gruppo inglese durò fino al 1993, e successivamente con la riunione del Turn it on again Tour del 2007. Nel periodo intermedio collaborò strettamente con Phil Collins, che aveva iniziato a dedicarsi parallelamente ai Genesis a una carriera solista, partecipando alle registrazioni ma soprattutto ai tour (dal 1982/1983). Durante il periodo di silenzio dei Genesis, Thompson segue Collins, suonando per esempio nel First Final Farewell Tour del 2004/2005. Con Steve Hackett incide Please Don’t Touch e Genesis Revisited, mentre con Tony Banks l’album A Curious Feeling. Nel 1991 pubblica il primo album da solista, A Joyful Noise. Nel 2013 pubblica invece Approved, accreditato al Chester Thompson Trio. Resta comunque legato all’esperienza maturata con i Weather Report con i quali suona come componente fisso nella metà degli anni settanta. Altri artisti e gruppi con i quali Thompson ha collaborato sono: Ahmad Jamal, Peter Cetera, Neil Diamond, Julim Barbosa, Bee Gees, Flora Purim, Ben E. King, Freddie Hubbard e Joe Henderson. Il suo stile è ampiamente considerato, e lo si può apprezzare anche in numerosi video dei Genesis, dagli anni 70 fino ad oggi.

Alphonso Johnson (basso)

La sua attività professionale inizia nel 1968, quando aveva appena diciassette anni: le prime esperienze di una certa importanza iniziano all’età di ventun anni, quando partecipa ad un tour mondiale con la Woody Herman Orchestra. Poco tempo dopo entra a far parte del Chuck Mangione Quartet, e con questi incide l’album The Land Of Make Believe. E fu proprio al tempo della militanza con questa formazione che Wayne Shorter, già membro dei Weather Report, sentì l’ancora giovane Alphonso suonare. In quel periodo i Weather Report, per la defezione di Miroslav Vitous, a causa di contrasti con il tastierista Joe Zawinul, erano rimasti senza bassista: Shorter propose così ad Alphonso Johnson di entrare nel gruppo. Il periodo con i Weather Report La militanza di Alphonso Johnson nei Weather Report durò circa due anni, nei quali la band pubblicò gli album Mysterious Traveler, Tale Spinnin e Black Market. In quest’ultimo Johnson condivise il ruolo di bassista con Jaco Pastorius, che ne prese definitivamente il posto quando il primo lasciò gli Weather per seguire differenti progetti. Dopo l’uscita dai Weather Report, Alphonso Johnson si unì a Billy Cobham, Tom Scott e Steve Khan (CBS All Stars), con i quali partecipò, nel 1979, ad un tour negli Stati Uniti. Sempre nello stesso anno, ricevette una nomination ai Grammy quale migliore strumentista R&B per l’album Street Life dei The Crusaders. Gli Anni Ottanta e la collaborazione con Santana Nel 1982 suonò con Wayne Shorter nell’album Bella ‘mbriana di Pino Daniele, collaborazione bissata nel 1984 nell’album Musicante. Ma la grande novità degli anni ottanta fu l’inizio della collaborazione con Carlos Santana. Nel 1984 infatti il bassista partecipò al tour del chitarrista messicano, e l’anno dopo partecipò all’incisione dell’album dei Santana Beyond Appearances. Il 1985 lo vide anche comparire sempre con Santana per la partecipazione che questi ebbe al Live Aid. Nel 1987 fu la volta di Freedom, sempre dei Santana, per il quale partecipò alla composizione di due brani, She Can’t Let Go e Once It’s Gotcha. Sempre nel 1987 Carlos Santana, a titolo personale, pubblicò un album dal titolo Blues for Salvador. L’album, considerati tra i più rappresentativi della sua discografia, fu dedicato da Santana al figlio, Salvador, appunto: anche in questa occasione il chitarrista volle al suo fianco Alphonso Johnson. Nel 1988 prese parte anche alle registrazioni di Viva Santana!, il doppio album contenente inediti, live e grandi successi del passato della Band. L’ultima collaborazione con Santana fu nel 1990, quando prese parte all’incisione di Spirits Dancing in the Flesh, per la quale contribuì alla composizione di Soweto (Africa Libre).

Frank Ricci (chitarra)

Chitarrista, compositore, arrangiatore, insegnante e scrittore. La carriera di Francesco alias ‘Frank’ Ricci è iniziata nell’ottobre del 2008, quando si trova in un mini-tour e in studio con Kee Marcello, storico chitarrista degli Europe, la band svedese che è giunta al successo in tutto il mondo negli anni ’80 con “The Final Countdown “. Il chitarrista degli Europe ama le composizioni di Frank tanto che decide di registrare un assolo di chitarra in una delle sue canzoni, “Big Surprise”, che saranno poi parte del suo album. Nel dicembre 2008 ha lavorato dal vivo e in studio di registrazione con Andrea Braido, uno dei più interessanti chitarristi italiani, (Mina, Vasco Rossi, Celentano). Braido allora registrerà il basso e la chitarra in un altro brano di Frank, dal titolo “Città sul lago”, che farà parte dello stesso album che uscirà nel 2014. Nel corso della sua carriera ha anche con Robben Ford, Tony Esposito Paul Gilbert e Stuart Hamm. 

Precedente Fabriano - Linea ferroviaria dismessa: «duello» tra ciclabile e museo Successivo Voragine lungo Viale della Vittoria Sedie e sgabelli in mezzo alla strada