Ambientalisti bocciano la maxi-tavolata con le candele

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Pesaro, 3 agosto 2015 – La maxi tavolata in spiaggia a lume di candela che accenderà le spiagge pesaresi nella notte di San Lorenzo (10 agosto) ha suscitato molto interesse, ma anche diverse perplessità.

A preoccuparsi in particolare, sono gli ambientalisti di Lupus in fabula, che si chiedono quale sarà la fine delle oltre 2000 fiammelle che si scioglieranno quella sera in acqua.

E soprattutto, come si potrà eviterà che carte, cartacce, lattine e bottiglie finiscano in mare ammorbando il già pesantemente mortificato Adriatico. «Dopo i giorni dell’ubriacatura per il Palio del nulla – affonda il presidente della Lupus, Flavio Angelini – ecco che la Città della Musica e della Cultura si prepara a tenere a battesimo un altro evento degno della più scoppiettante ‘Fiera delle vanità’. A noi resta difficile comprendere la pregnanza socio-culturale di una mega mangiata cultural-popolare in riva al mare illuminati da migliaia di candele sparse e sperse nel mare».

«A noi, pruriginosi, biechi ed ignoranti ambientalisti vengono in mente e ci martellano nottetempo alcune domande – prosegue la nota – : ma le 2.000 candele verranno lasciate bruciare e sprofondare nelle limpide acque del nostro mare bandiera blu? E i mille e mille immacolati commensali che giungeranno da ogni contrada pesarese, non lasceranno sulla spiaggia (o magari in acqua) migliaia di bottiglie, carte, cartacce, plasticacce, quale loro ricordo per i bagnanti del giorno dopo?».

La Lupus contesta dunque l’uso del bene comune spiaggia/mare, quale luogo per far feste e soldi. «Idea – incalza la Lupus – che sembra dominare la mente dei nostri amministratori ed anche il prossimo piano spiaggia. Ciò che sembra trapelare è la fine eterna dei pochi tratti di spiaggia ancora miracolosamente libera, a beneficio di altri deliziosi ristorantini in riva al mare o di pesanti strutture pseudo sportive».

di fra.pe.

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Sgozzato nel bosco, caccia alle telecamere di Sant'Angelo in Vado Successivo Questore Macerata, sicurezza primo punto