AMBIENTE, TERZONI (M5S): “APPROVATO ODG PER LA TUTELA DEL LUPO. STOP AD AVVELENAMENTI E BRACCONAGGIO”

Lupo

Fabriano – Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato stampa – “Da anni i lupi in Italia sono bersaglio di azioni di bracconaggio. Eppure, si tratta di una specie animale fondamentale per l’equilibrio faunistico di diverse aree del paese, arco appenninico in primis. Nella regione Marche, in base a un censimento del 2012, se ne contavano circa 150. Solo lo scorso inverno però sono balzati alla ribalta casi di avvelenamento di lupi sulle nostre montagne. Il WWF, con la campagna #soslupo, di recente ha espresso le sue preoccupazioni per l’intenzione della conferenza Stato-Regioni di “legalizzare” l’uccisione di lupi fino un numero di 60 all’anno. Ipotesi ferma per ora, in attesa che a marzo si riunisca di nuovo il comitato paritetico. Anche noi abbiamo voluto scongiurare questo scenario con un ordine del giorno al “collegato agricolo” rivolto al ministero dell’Ambiente. Dopo tanta melina, il Parlamento ha finalmente battuto un colpo approvandolo. Con il quale si impegna il governo a monitorare la popolazione del lupo, ad applicare il piano quinquennale d’azione per la conservazione della specie e di vietare ogni azione volta all’abbattimento”.

Lo afferma, in una nota, la portavoce del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati On. Patrizia Terzoni.

“Al ministero – specifica – è stato inoltre chiesto di intraprendere misure di prevenzione e di imbastire campagne di informazione: il conflitto tra uomo e lupo nell’ultimo decennio ha portato a troppe uccisioni ingiustificate. Per questo riteniamo che l’esecutivo debba valutare la possibilità di erogare incentivi, nel rispetto dei vincoli di finanza pubblica, per le aziende agricole che operano in territori dove è accertata la presenza del lupo. Al fine di potersi dotare di speciali recinti elettrificati o di altre protezioni in chiave anti-lupo”.

IMG-20160218-WA0021

Precedente Lavori all'acquedotto - Fabriano non rischia di restare a secco Successivo Appignano, la rivolta dei profughi: «Via di qui o sarà occupazione»