Anche la stagione teatrale è diventata un ricordo

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
FONTE IL RESTO DEL CARLINO

Sant’Elpidio a Mare, 8 novembre 2014 – Quasi tutti i Comuni del comprensorio hanno messo a punto la loro stagione teatrale e l’hanno presentata o stanno per farlo, in qualche Comune è addirittura iniziata. Solo da Sant’Elpidio a Mare tutto tace e ciò che è peggio, tutto è fermo, tanto che ormai c’è chi dispera di poter vedere spettacoli teatrali al ‘Cicconi’ e si prepara a spostarsi nei Comuni limitrofi. Diventa sempre più risicata l’attività del teatro cittadino (che peraltro avrebbe pure bisogno di un intervento urgente di restyling) dove, da qualche anno, non c’è la programmazione cinematografica nella stagione invernale e, da quest’anno, c’è la concreta possibilità che si perda anche la tradizione della stagione teatrale elpidiense.

Negli anni addietro, il ‘Cicconi’ era stato uno dei teatri più gettonati del comprensorio e si distingueva per la qualità delle proposte e degli attori che calcavano quel palcoscenico; le difficoltà di bilancio hanno ridimensionato di molto programmazioni che, nonostante tutto, hanno sempre mantenuto una impronta distintiva di originalità rispetto ai teatri dei centri vicini.

Con le dimissioni di Monia Tomassini da assessore alla cultura, alcuni mesi fa, la delega è passata in mano al sindaco. Nonostante Terrenzi avesse detto che a novembre avrebbe nominato il nuovo assessore, a parte un allargamento della maggioranza al Pd, ancora non ha preso alcuna decisione. In tutt’altre faccende affaccendato, Terrenzi non sembra nutrire una particolare preoccupazione sulla stagione teatrale, prova ne è che c’è una bozza di proposta che giace completamente ignorata sulla sua scrivania da diverse settimane. Una indifferenza che non sarebbe solo del sindaco, ma anche di qualche altro amministratore che pare abbia sostenuto che in periodo di tagli si poteva bene fare a meno del teatro.

Marisa Colibazzi



 

Precedente Allarme sicurezza: arrivano altre undici telecamere Successivo Dopo trent’anni rinasce la Pro Loco