Ancora furti nelle case a Torrette

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ancona, 8 marzo 2016 – Due furti in appartamento nella serata di domenica. Entrambi sono avvenuti nel quartiere di Torrette quando gli allarmi delle abitazioni prese di mira, collegati con la centrale operativa della questura, hanno iniziato a suonare. Sul posto sono subito sopraggiunte le Volanti. I poliziotti hanno immediatamente iniziato a perlustrare la zona ispezionando tutte le vie limitrofe, vicoletti inclusi.

Nel frattempo, sul luogo sono giunti anche i poliziotti della Scientifica impegnati nell’effettuare i rilievi di rito, cercando di scoprire qualche elemento utile alle indagini come impronte od altro che i malviventi potessero aver lasciato prima della fuga. Il quartiere è stato quindi battuto in lungo e in largo ma dei ladri, purtroppo, non vi era più alcuna traccia a causa anche della vicinanza delle varie vie che conducono a superstrada e autostrada, imboccate probabilmente dai malviventi per allontanarsi il più in fretta possibile.

Controllati anche i campi nei pressi dell’ospedale di Torrette, luoghi in cui i malviventi avrebbero potuto trovare momentaneamente rifugio. Presumibile che si possa trattare della stessa banda che ha agito quasi contemporaneamente, in due punti diversi ma che è dovuta fuggire a seguito dell’incessante suono della sirena dell’allarme. Ladri ‘collegati’ tra loro e che spesso comunicano anche con l’uso di apparecchi radio come i walkie-talkie in maniera tale da non essere intercettati. Pattugliamenti che sono comunque andati avanti per tutta la notte tra domenica e ieri. Una presenza delle forze di polizia che ha anche evitato ulteriori tentativi di furto, e furti in zona. La Scientifica avrebbe comunque trovato, nelle due abitazioni prese di mira dai ladri, alcuni elementi che sembrerebbero essere utili allo sviluppo delle indagini.

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Cene e feste nei sestieri, stop alla deregulation Successivo Le storie di donne invincibili come Graziella, Anna e Zaneide