Animali, trasporto non a norma: multe per 7mila euro

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ascoli Piceno, 22 aprile 2015 – Nell’ambito dei servizi disposti dal Servizio Polizia Stradale e dal Compartimento Polstrada Ancona per il settore relativo al trasporto di animali vivi, nella giornata odierna personale Polstrada dei Distaccamenti di San Benedetto del Tronto e Amandola ha effettuato una serie di verifiche in ambito autostradale presso l’area di sosta di Torre di Palme.

Al servizio ha preso parte anche personale veterinario della A.S.L. di Fermo che ha collaborato in maniera determinante alla riuscita del servizio.

Nel corso di tale servizio sono stati controllati vari mezzi che trasportavano maiali, mucche e suini di piccolo taglio, diretti verso sud e in particolare le mucche dirette presso un allevamento di San Severo in Provincia di Foggia.

Dall’attività svolta sono emerse varie violazioni specifiche inerenti il trasporto e le condizioni igienico sanitarie degli animali trasportati. In particolare sono state accertate 4 violazioni inerenti il trasporto delle mucche: mancato funzionamento delle ventole di aereazione e mancanza della scala per il controllo dei piani alti del carico oltre che errata compilazione del giornale di carico ed eccedenza di peso. Trattavasi di animali provenienti dall’Austria da dove erano partiti ieri sera e diretti a San Severo: tutti gli animali, femmine, erano gravide ma in condizioni di viaggiare. Solo una delle bestie presentava una ferita al capo, procuratasi durante il viaggio che il veterinario presente attestava di essere compatibile con la prosecuzione dello stesso fino a destinazione.

Nel complesso sono state elevate contravvenzioni per un totale di 7.000 euro ai mezzi controllati e quello relativo al trasporto delle mucche è stato sottoposto a fermo amministrativo che verrà eseguito dalla Polizia Stradale di Foggia non appena giunto a destinazione.



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Fabriano - Tini chiude il conto consuntivo: "Dallo Stato un milione in meno, dobbiamo lavorare sulla spesa" Successivo «Yes we can», due promozioni in tre anni