Ascoli, anche Camplone e Di Carlo tra i candidati a sostituire Petrone

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ascoli, 2 novembre 2015 – Ascoli verso il cambio di allenatore. Petrone, probabilmente, non sarà esonerato ma rassegnerà le dimissioni rinunciando a parte dell’ingaggio previsto dal contratto in scadenza nel 2017. Una volta chiuso il suo capitolo si potrà aprire la porta alla new entry. I nomi circolati nelle ultime ore sono un’infinità, con l’ex Cagliari e Bologna Diego Lopez dato da molti per certo. Pare, invece, che la trattativa con l’uruguaiano non sia andata a buon fine e, salvo improbabili ritorni di fiamma, non si farà nulla. Stesso discorso per Devis Mangia. Tra le telefonate effettuate dal ds Marroccu c’è stata anche quella a Eugenio Corini, ma l’ex bandiera del Palermo ha risposto di essere in attesa di una chiamata dalla serie A.

CHI GUIDERÀ dunque l’Ascoli? I tecnici validi sulla piazza non mancano. La dirigenza, però, oltre a una persona capace di sistemare le cose nella stagione in corso vorrebbe un elemento in grado di creare le basi per il ritorno in serie A il prossimo anno. Uno dei nomi più graditi ai dirigenti è quello di Mimmo Di Carlo, reduce da due esperienze non brillanti a Livorno e Cesena ma allenatore dalle indubbie doti tecniche e umane. Un’altra pista calda porta ad Andrea Camplone, pescarese doc, ex Perugia. Più distante Davide Ballardini, visto al Del Duca poche partite fa. Maggiori dettagli nel giornale in edicola.

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle

Precedente Jesi, volano e cappottano con l'auto Ferito gravemente un giovane Successivo Tampona l’auto del sindaco