Ascoli, Antenucci solo se parte Cacia

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ascoli, 8 gennaio 2016 – Prima di tutto cedere. I profili che interessano il ds Marroccu sono principalmente, come noto, due: un centrocampista centrale e un terzino sinistro. Ma, appunto, prima di ingaggiare nuovi giocatori, il club di corso Vittorio ha urgente bisogno di dare via i suoi ‘over’ in eccesso. Cioè, i giocatori nati prima del primo gennaio 1994: per costoro, infatti, la Lega di B ha stabilito un tetto massimo di 18 elementi. L’Ascoli attualmente è a quota 16 visto che Pirrone si è accasato a Pavia. In due sono pronti a entrare: Muscat e Frison.

La ‘lista bloccata’, tuttavia, potrebbe perdere altri pezzi. Berrettoni e Bellomo, prima di tutto, ma non sono escluse clamorose soprese. Un esempio? Daniele Cacia. Il bomber ex Bologna, dopo una prima parte di campionato agrodolce, è atteso dai tifosi bianconeri in un girone ritorno si spera il più possibile esplosivo. Nelle ultime ore, però, su di lui si sono puntati i riflettori di vari club esteri, primo tra tutti l’FC Tokyo allenato da Massimo Ficcadenti.

I giapponesi sono alla ricerca di un attaccante di peso che permetta di fare il salto di qualità e puntare alle zone alte della classifica dopo che le ultime stagioni non sono state particolarmente esaltanti. Cacia, che ha già vestito due maglie nella stagione in corso (Bologna e Ascoli) potrebbe in effetti trasferirsi solo all’estero e la destinazione in Oriente, se accompagnata da un lauto ingaggio, potrebbe essere un’ipotesi allettante.

Il trasferimento dall’altra parte del mondo, comunque, non è una scelta semplice, soprattutto per un padre di famiglia come lui atteso, tra l’altro, da una tifoseria e da una società che lo aspettano con fiducia. E’ probabile che Cacia non prenda una decisione definitiva prima dell’ultima settimana di gennaio. Se dovesse decidere di andar via, con il Tokyo pronto a farsi carico del suo ingaggio biennale, per l’Ascoli si spianerebbe la strada che porta a Mirco Antenucci.

L’attaccante del Leeds tornerebbe molto volentieri nel Piceno e, allo stesso modo, al club inglese non dispiacerebbe cederlo. Il suo ingaggio però sarebbe sostenibile da corso Vittorio solo in caso di partenza di Cacia. In questo il presidente Bellini pare che abbia lasciato istruzioni molto precise: il monte ingaggi, già importante, non può essere appesantito.

Sugli altri fronti sono pronti a partire Svedkauskas (ipotesi Bari) e soprattutto Nava, che potrebbe finire all’Arezzo in cambio del difensore centrale Salvatore Monaco. L’ex Moretti, infine, è in uscita dal Latina. Su di lui è piombato il Vicenza ma l’Ascoli potrebbe inserirsi.

Gigi Mancini

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Fabriano - Referendum cittadino per il punto nascita Successivo Sanità, il Pd ci mette una pezza / VIDEO