Ascoli, Antonini firma i primi tre punti: l’Entella cade al Del Duca

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ascoli Piceno, 15 settembre 2015 – L’Ascoli (foto) batte l’Entella, con un gol di Antonini, e conquista la prima vittoria stagionale, riscattando il ko di Lanciano. Petrone deve rinunciare agli squalificati Altobelli e Mengoni, oltre agli infortunati Giorgi e Grassi. A centrocampo c’è spazio per Carpani dal primo minuto insieme ad Addae e Jankto, mentre in difesa gioca Cinaglia con Milanovic e Antonini, con quest’ultimo all’esordio e con la fascia da capitano. Gli esterni sono Pecorini e Almici. Davanti spazio al tandem composto da Perez e Cacia.

Aglietti, invece, punta tutto sul bomber Caputo, affiancato da Fazzi, con Sestu a svariare tra le linee. I bianconeri partono subito con il piede giusto e al 3′ Iacobucci devia in corner la punizione di Almici. Sugli sviluppi del calcio d’angolo calciato da Jankto, Antonini sbuca in area e di testa batte il portiere ospite. La risposta della Virtus Entella arriva al 13′ con il tiro a giro di Sestu che termina alto. Al 32′ il Picchio sfiora il raddoppio con la conclusione al volo di Cacia, ma Iacobucci si fa trovare pronto e blocca. Due minuti più tardi, invece, Caputo approfitta di un’uscita indecisa di Lanni e calcia da buona posizione: la palla colpisce la parte inferiore della traversa e rimbalza sulla linea. Gli ospiti vorrebbero la rete ma l’arbitro lascia giocare.

Nella ripresa, è sempre l’Ascoli ad avere in mano il pallino del gioco e al 2′ Addae cerca il gol dalla distanza, ma il tentativo termina alto. Sul capovolgimento di fronte ci prova Sestu con un tiro dal limite insidioso che fa la barba al palo. All’8′ si riaffaccia in avanti ancora la formazione di Petrone, con la punizione radente di Almici che finisce a lato di un soffio. Aglietti butta nella mischia anche Masucci, mentre il tecnico ascolano bada a difendersi inserendo Pelagatti.

In attacco, invece, Petagna prende il posto di Cacia. Al 32′ il missile di Staiti fa scorrere più di un brivido sulla schiena di Lanni. Al 44′, però, Petagna ha l’occasione per chiudere la partita e, a tu per tu con il portiere, prova a beffarlo con un colpo sotto, ma la palla termina incredibilmente a lato per una questione di millimetri. Alla fine, comunque, i tre punti arrivano e sugli spalti del Del Duca è festa grande.
 

Il tabellino

Ascoli (3-5-2): Lanni; Cinaglia, Milanovic, Pecorini (27’st Nava); Almici, Addae, Carpani, Jankto, Antonini (20’st Pelagatti); Perez, Cacia (23’st Petagna). A disp.: Svedkauskas, Pirrone, Frediani, Berrettoni, Caturano, De Grazia. All. Petrone.
Virtus Entella (4-4-2): Iacobucci; Keita, Ceccarelli, Gerli (23’st Petkovic), Sini; Staiti, Troiano, Belli, Sestu (36’st Costa Ferreira); Fazzi (13’st Masucci), Caputo. A disp.: Borra, Zigrossi, Volpe, Moreo, Zanon, Pellizzer. All. Aglietti.
Arbitro: Abbattista di Molfetta.
Reti: 4’pt Antonini.
Note: spettatori 6.350; ammoniti Sini, Pecorini, Masucci, Addae, Petagna.

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Furto notturno all'Aset spa: colpo da 50mila euro Successivo Ancona, in sei all'ospedale per il tonno avariato Nei guai due ristoranti, rivenditori e il fornitore