Ascoli, pari di cuore a Brescia. Petagna super, manca un rigore

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ascoli, 15 febbraio 2016 – Il Picchio strappa il suo primo pareggio in trasferta. A Brescia finisce 2-2 con i bianconeri che hanno lottato fino alla fine con le unghia e con i denti.

Mangia a sorpresa cambia modulo. Quello che scende in campo al Rigamonti è un Ascoli schierato con il 4-5-1. Lanni tra i pali. Difesa a quattro con Pecorini, Milanovic, Mitrea e Dimarco. A centrocampo linea a cinque con Almici, Bianchi, Addae, Giorgi e Jankto. In attacco Petagna unica punta.

Il primo sussulto della gara è proprio dei bianconeri. Dopo appena 5’ Dimarco serve in area Bianchi che da due passi si fa neutralizzare il sinistro rasoterra da Minelli. L’atteggiamento degli uomini di Mangia è quello giusto, ma un episodio sfavorevole a manda in vantaggio il Brescia. Al 10’ Embalo crossa in area e Dimarco intercetta col gomito. Per Marini è calcio di rigore. Dal dischetto si presenta l’airone Caracciolo che spiazza Lanni.

L’Ascoli non demorde e reagisce continuando a giocare a ritmi alti. Al 21’ ci prova Mitrea di testa ma il suo tentativo finisce di poco alto sopra la traversa. Alla mezzora è Giorgi che con un destro potente e preciso che fa la barba al palo alla sinistra di Minelli.

Al 39’ Giorgi apre per Dimarco che lascia partire un sinistro velenoso sul quale Minelli deve impegnarsi per sventare la minaccia. E’ il preludio al pareggio che arriva un minuto più tardi. Ancora il vivace Dimarco pesca Petagna che da due passi infila al volo di sinistro. E’ 1-1, splendida invenzione del giovane talento scuola Inter. La prima frazione di gara termina così.

Prima di rientrare negli spogliatoi il centravanti bianconero ai microfoni di Sky ha voluto dedicare il gol al piccolo Dieghito, un bambino venuto a mancare la notte scorsa. Nella ripresa i bianconeri acquisiscono maggior consapevolezza e rientrano in campo imponendo il proprio gioco.

Al 6’ Jankto sfonda sulla sinistra entra in area e serve un pallone al centro che taglia tutta l’area di rigore senza che nessuno ascolano riesce a mettere a segno il tap-in vincente. Ma il Picchio preme sull’acceleratore e poco dopo ci prova Dimarco da lontano. La sfera termina alta sopra la traversa. Il Brescia è in difficoltà. L’Ascoli controlla bene l’andamento dell’incontro. Al quarto d’ora della ripresa brutta tegola per Mangia. Jankto s’infortuna e deve lasciare il campo. Il tecnico bianconero allora butta dentro l’attaccante Perez. Così il Picchio cambia modulo e passa al 4-4-2.

Qualche minuto dopo i bianconeri restano in dieci. Pecorini interviene su Geijo. L’arbitro Marini ammonisce per la seconda volta il difensore dell’Ascoli che finisce la partita anzitempo.

Ma al 29’ l’Ascoli passa in vantaggio. Giorgi serve Petagna che s’infila in area e batte ancora Minelli. Scoppia la gioia di tutta la panchina che va a festeggiare con l’ex attaccante del Milan. Per Petagna è la sua prima doppietta tra i professionisti. Le rondinelle non ci stanno e provano subito a reagire. Sugli sviluppi di un calcio di punizione Kupisz calcia da dentro l’area con l’esterno destro e sfiora l’incrocio dei pali. Al 35’ un miracoloso Lanni neutralizza il tiro di Kupisz lanciato a rete e tiene a galla i suoi. I padroni di casa ci credono e al 39’ raggiungono il pareggio. Kupisz mette al centro e Lancini infila di testa sul secondo palo. Lanni si allunga ma stavolta non può nulla. Ora sono i lombardi a crederci e gli uomini di Bioscaglia si spingono tutti in avanti. Un minuto dopo l’arbitro Marini non vede un fallo di mano di Caracciolo in area su un pallone messo al centro da Petagna. Sul capovolgimento di fronte Morosini si divora un’occasionissima che avrebbe permesso al Brescia di passare in vantaggio. In pieno recupero il tecnico dell’Ascoli le prova tutte per difendere il pareggio, mettendo Benedicic al posto di Petagna. Alla fine il risultato non cambia e l’Ascoli strappa un punto che le consente di salire a quota 28 e raggiungere la Pro Vercelli.

Massimiliano Mariotti

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Civitanova, infarto mentre va a scuola Morta una maestra elementare Successivo Scompare donna di 57 anni, scattano le ricerche