Aset Spa: "Fatturato in crescita, bene gli utili e 300.000 euro per il fondo anti crisi"

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Fano (Pesaro e Urbino), 13 giugno 2014 – Il Cda di Aset Spa ha approvato all’unanimità il Bilancio consuntivo 2014: 37 milioni di fatturato, 1.5 milioni di utili e 300 mila euro destinati a un fondo anticrisi per gli indigenti. “Un bilancio solido – ha dichiarato la presidente dell’azienda, Lucia Capodagli -, ulteriore segnale di un’efficienza, sia sul fronte dei servizi resi ai clienti, sia dal punto di vista puramente economico. Aset Spa ha una capacità finanziaria importante, che ci consentirà di affrontare con tranquillità le nuove sfide che ci sono davanti”.

Sul piano degli investimenti, ad esempio, l’azienda ha previsto circa 3,2 milioni per ampliamenti e rifacimenti delle reti dell’acquedotto a Fano, Mondolfo e Monte Porzio; 1,9 milioni per le manutenzioni del servizio depurazione e l’ampliamento del depuratore di Ponte Sasso, i cui lavori inizieranno dal prossimo autunno; circa 800mila euro per scolmatori a mare e fognature a Fano; sul fronte dell’igiene ambientale sono previsti, infine, oltre 2 milioni in nuovi mezzi, attrezzature e infrastrutture.

Rispetto all’anno precedente, dunque, il fatturato è cresciuto del 3%, “incremento che è stato raggiunto senza gravare sulle tasche dei cittadini – ha spiegato al Capodagli -, visto che nel corso del 2014 le tariffe domestiche sono calate intorno al 2%. L’ultimo aumento delle bollette, infatti è antecedente e ad esempio per Fano, nel piano economico di igiene ambientale per il 2015 abbiamo previsto servizi di pulizia ulteriori e ci sono proiezioni che ci fanno prevedere la possibilità di un calo delle tariffe vicino all’1%, la cui concretizzazione è responsabilità esclusiva del comune socio”.

La presidente di Aset Spa ha evidenziato l’importanza del fondo anticrisi, per gli utenti di 13 comuni: “Ogni amministrazione comunale – ha spiegato – potrà predisporre un regolamento per creare graduatorie ad hoc, secondo i parametri Isee, per famiglie che potranno beneficiare di sconti o esenzioni fino al completo esaurimento dei 300 mila euro”.

“Nonostante la presa in carico da parte di Aset spa di tutti gli investimenti – conclude la presidente - quelli sulle reti, ad esempio, erano in capo alla società patrimoniale, il ritorno degli investimenti (Roi) è pari a 8,79, rispetto a 4.13. Questo è conseguenza di un’ulteriore ottimizzazione dei costi operativi, con un’azione determinata su materie prime, consulenze e ogni tipo di spesa, senza per questo rinunciare alla qualità dei servizi”. Il passaggio finale sarà l’approvazione del Bilancio nella assemblea dei Soci in programma per fine mese.  



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Scontro frontale tre i feriti. Due sono gravi Successivo S’invaghisce di una collega e quando viene respinto le manomette il computer