Asili nido, Ricci: "Pronto un investimento di 48mila euro e tariffe più proporzionate per la fascia media"

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
IL BORGHIGIANO 20142015

Pesaro, 17 marzo 2015 – Il sindaco Matteo Ricci mette mano alla rimodulazione delle tariffe per gli asili nido: «Un impegno che ci eravamo presi con i genitori. Era un punto del programma di governo: di nostro ci mettiamo ulteriori 48mila euro all’anno. Sulla crescita e sull’educazione, nonostante i tagli alla spesa corrente dei Comuni, continueremo a investire».

L’operazione, per il sindaco, mira a ristabilire «maggiore proporzionalità tra la fasce Isee». Perché il sistema precedente «era equo, ma squilibrato per le fasce medio-basse: quelle tra 8mila e 25mila euro».

Ovvero le più numerose, con 216 utenti in totale. Anche per questo, oltre che per gli effetti della crisi, dice, «negli ultimi anni si è registrato un leggero calo delle iscrizioni (flessione del 10 per cento, ndr). Molte famiglie hanno rinunciato alle iscrizioni per le tariffe troppo alte della classe centrale».

Di qui, l’obiettivo: «Siamo ancora ampiamente sopra la media nazionale rispetto ai posti messi a disposizione. Ma vogliamo tornare al ‘segno più’ alla voce iscrizioni. I nidi? Sono elemento essenziale delle politiche educative del Comune: se ci sono più iscrizioni, si riesce anche a garantire un servizio migliore».

Meccanismo. La fascia media, dunque, «quella attualmente più penalizzata», beneficerà di una riduzione delle tariffe del 15 per cento. Significa che, per i nidi fino a tre anni, si passerà, per le tariffe minime, da 121 a 104 euro al mese; per le massime, da 380 a 325 euro al mese.

«Visto nell’arco di un anno scolastico è un bel risparmio, un intervento incisivo», rileva Ricci, insieme all’assessore Giuliana Ceccarelli e al dirigente Marco Domenicucci. Lo schema si completa così: «Per le fasce relativamente più alte, quelle con Isee da 25mila euro in su, le tariffe rimangono invariate».

Mentre è introdotta una base minima, rispetto all’esonero attuale, per le fasce basse, da zero a 8mila euro: «Nei nidi ci sono servizi, ed è giusto che vengano riconosciuti come tali». Per questa classe, la tariffa andrà da un minimo di 40 a un massimo di 50 euro: «Ma ci stiamo confrontando con i sindacati – precisano sindaco e assessore – e non escludiamo qualche limatura al ribasso. In ogni caso rimangono le deroghe per i nuclei familiari in carico, riconosciuti dai servizi sociali».

Materne. In parallelo, la giunta annuncia l’assunzione di quattro nuove maestre, che sostituiranno chi andrà in pensione: «E’ la dimostrazione che non rinunciamo alle scuole comunali e difendiamo questo valore della città – conclude il sindaco -. L’operazione in primavera, con i bandi di concorso».

Resta la linea: «Ci sono nove materne comunali, quattro convenzionate e quindici statali. Crediamo nel sistema misto, che crea un confronto positivo tra modelli». Nel frattempo, Ceccarelli conferma il via libera dalla Regione per la statalizzazione dell’asilo di Vismara: «In questa prima fase, che durerà almeno due anni, si andrà avanti con la gestione mista».



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Fabriano - Ladro tradito da una ferita: denunciato 16enne Successivo Droni per studiare l’area archeologica di Hadrianopolis