Ballerina uccisa sulla spiaggia, la Cassazione conferma le condanne

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Roma, 24 settembre 2015 – Nessuna sopresa: sono state confermate dalla Corte di Cassazione le quattro condanne a carico dei responsabili dell’omicidio di Andreea Christina Marin, la 22enne ballerina massacrata a colpi di mazza il 27 gennaio 2012 sulla spiaggia di Porto Potenza Picena.

Dovranno quindi scontare 30 anni di carcere il mandante del delitto della ballerina, Sandro Carelli, che aveva avuto una relazione con la ragazza, e due dei tre esecutori materiali, Sebastian Capparucci e Silvio Giarmanà. Confermata anche la condanna a 22 anni per concorso in omicidio volontario aggravato dai futili motivi, dalla crudeltà e dalla minorata difesa della vittima per Valentino Carelli, il figlio di Sandro.

L’avvocato Federico Valori, che difende Sebastian Capparucci, ha commentato negativamente la decisione della Corte che ha rigettato un suo ricorso, dichiarando inammissibili gli altri, neppure ai fini della valutazione delle attenuanti generiche.

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Fabriano - Segui la diretta del Consiglio comunale di oggi Successivo Omicidio ballerina,4 condanne Cassazione