Banca Marche, la Consob conferma le sanzioni

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ancona, 21 ottobre 2015 – Banca Marche, la Consob conferma ed emette sanzioni amministrative da 420mila euro a carico di 16 ex vertici per carenze informative nel prospetto dell’aumento di capitale 2012 che portò all’emissione di circa 212 milioni di azioni al prezzo di 0,85 euro, per un controvalore di 180 milioni. Sessantamila euro di sanzioni all’ex dg Massimo Bianconi e all’ex presidente Michele Ambrosini, per una violazione «a titolo di dolo» in quanto delegati alla redazione del prospetto informativo dell’aumento di capitale del 2012. Per violazioni a «titolo di colpa» le multe di 30 mila all’ex vice presidente Lauro Costa e all’ex presidente del collegio sindacale Piero Valentini, e per 20 mila euro all’ex vice presidente Tonino Perini, agli ex consiglieri Giuliano Bianchi, Bruno Brusciotti, Pio Bussolotto, Massimo Cremona, Walter Darini, Eliseo Di Luca, Germano Ercoli, Marcello Gennari, Mario Volpini, e agli ex sindaci Franco D’Angelo e Marco Pierluca.

L’accusa è di ‘mancata rappresentazione’ alla Consob il 3 febbraio 1012, delle ‘valutazioni negative sulla situazione economico patrimoniale e sull’assetto di governo societario espresse da Bankitalia in una lettera trasmessa il 9 gennaio 2012’.

Una lettera, si legge nel dossier, «dal carattere allarmante» e che proprio per questo «doveva essere comunicata ai potenziali investitori», ma di cui il mercato e la Commissione rimasero all’oscuro.

Solo il primo giugno 2012, ad aumento concluso, l’istituto di credito trasmise a Consob una «ricostruzione parziale e fuorviante» della lettera di Banca d’Italia. Come previsto dalla normativa, Banca Marche pagherà a Consob l’intero importo delle sanzioni per poi rivalersi sugli autori delle violazioni.

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Ascoli, da oggi cambia la viabilità nella zona dello stadio Del Duca Successivo Ladri a casa della sposa durante il matrimonio