Barchi, paura per una 13enne. “Mi sono persa scappando da due sconosciuti”

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
Il Borghigiano Il Resto del Carlino

Barchi (Pesaro e Urbino), 15 ottobre 2014 – “Aiutatemi mi sono persa. Scappavo da quei due…”. Paura, nella mattinata di ieri a Barchi, per una 13enne del posto, marocchina, che anziché salire sul pulmino e andare a scuola (frequenta la terza media all’istituto comprensivo “Giò Pomodoro” di Orciano) ha abbandonato lo zainetto sul ciglio della strada poco fuori il centro del paese, a un centinaio di metri dalla fermata del bus, e si è spinta in aperta campagna finendo per perdere l’orientamento.

Spaventata, ha preso il cellulare e ha composto l’unico numero di emergenza che si ricordava: il 113, dicendo di essersi persa. Erano le 8,30 e dalla Questura è partita immediatamente la segnalazione ai carabinieri di Mondavio, che hanno subito ricontattato la 13enne e tenendola costantemente in linea per rassicurarla e per farsi dare indicazioni su dove fosse, dopo 40 interminabili minuti sono riusciti a trovarla. Durante le ricerche dei militari, nel frattempo, è scattato l’allarme anche a scuola, e da qui in casa della magrebina, perché due dipendenti della Provincia addetti alla manutenzione stradale hanno rinvenuto lo zaino e dopo aver letto sul diario il nome e il numero di cellulare della proprietaria, tentando inutilmente anche di telefonarle, lo hanno portato in classe pensando di trovarci la ragazzina, che invece era assente.

La studentessa, agitatissima anche dopo diverse ore dal suo ritrovamento, ha raccontato agli uomini dell’Arma in modo un po’ confusionale che poco dopo le otto, mentre stava andando a comprarsi la merenda in un bar, è stata avvicinata da due uomini sconosciuti sui 25 anni che le hanno detto di salire in macchina con loro. Lei ha avuto paura e ha iniziato a correre, gettando via lo zainetto e inoltrandosi nei campi. Dei due ha fornito una descrizione piuttosto sommaria.

Esistono davvero questi tipi? Chi erano? Avevano realmente brutte intenzioni? Sono le domande a cui cercheranno di dare una risposta i carabinieri di Mondavio del maresciallo Castigliego, che stanno svolgendo le indagini. La ragazzina, intanto, è stata sottoposta ad accurate visite mediche che hanno escluso qualsiasi forma di violenza nei suoi confronti.



 

Precedente FABRIANO, Indesit, blitz degli americani: preso il controllo Successivo FABRIANO, Addio ad altro pezzo Made in Italy. Indesit diventa americana