Basket, dalla delusione all’euforia grazie a Myles

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
FONTE IL RESTO DEL CARLINO

Pesaro, 9 novembre 2014 – Una serata incredibile, vissuta fra delusione (per un primo tempo terribile, sotto anche di 18), arrabbiature con gli arbitri (un antisportivo, cinque tecnici e un’espulsione contro), gioia (inattesa) per una vittoria ormai insperata e maturata a fil di sirena. La Vuelle ha superato per la prima volta gli avversari a cinque minuti dalla sirena grazie a un’acrobazia di Myles, vero eroe di un secondo tempo ruggente, che ha segnato 22 dei suoi 27 punti nella ripresa.

“Era importante dopo 4 ko di fila rompere il ghiaccio – dice la guardia americana -. Sarà fondamentale per la nostra mentalità, per la fiducia che ne ricaveremo: entrambe saranno contagiose nei prossimi allenamenti. Oltre che far felici i nostri tifosi. Gioco meglio in casa, dite? Naturale, qui sento l’appoggio del mio pubblico, che sa creare un’atmosfera fantastica”.

A margine del match, il diesse Cioppi e gli altri dirigenti hanno avuto invece il loro daffare a correggere gli errori plateali del tavolo (che non aveva segnato il canestro di Reddic del 39-51 prima dell’intervallo) e degli arbitri (tra sfondamento e tecnico per simulazione deve avere la meglio la sanzione più grave). Mandare due fischietti romani in una partita contro Roma non è stata una grande idea. Bisognerà che qualcuno lo ammetta e ci rifletta sopra in vista delle prossime designazioni. Infine, in curva i tifosi hanno detto la loro dopo la settimana in cui è stata rivangata la storia della monetina per le rivelazioni del magistrato Casula nel suo libro. Ieri sera in curva è apparso uno striscione: “Scudetto 88/89, non vale più di cento lire”.



 

Precedente Alla guida dopo aver bevuto: 8 patenti ritirate Successivo La Vuelle sorprende Roma e fa sua la prima vittoria in campionato