Basket, niente da fare a Caserta per la Consultinvest

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
IL BORGHIGIANO 20142015

Caserta, 11 gennaio 2015 – Caserta rompe il ghiacchio dopo 14 sconfitte consecutive e risucchia Pesaro a -4. Poteva essere un successo ancora più netto se nell’ultimo quarto, in vantaggio di 22 punti al 34’ (77-55), la squadra di Vincenzino Esposito non si fosse distratta fino a subìre un impressionante break di 18-3 in soli 6’ che ha fatto storcere la bocca al coach della Pasta Reggia, inquadrato a fine gara con un’espressione piuttosto rabbuiata. Magari non capiterà mai, ma se le due compagini dovessero arrivare a giocarsi tutto nell’ultima gara sul campo della Consultinvest, un conto sarà provare a recuperare 7 punti ai bianconeri, un conto sarebbe stato recuperarne una ventina.

Un’altra brutta serata per l’attacco biancorosso che dopo un primo quarto decente si inchioda nel secondo periodo e all’intervallo la partita sembra già segnata, anche se una tripla da tre quarti di campo di Ross allo scadere scuote i compagni. Ma Caserta stavolta è riuscita a ferire l’avversario e sente l’odore del sangue sul parquet: Vitali è scatenato, Capin punisce chi non ha creduto in lui (era stato proposto alla Vuelle alcune settimane fa), mentre Ivanov dopo un paio di stoppate prese in avvio da Judge ritorna ad essere un fattore sotto canestro.

L’ultimo quarto pare una mattanza, poi il finale già detto. Ora la sosta per l’All Star Game concede due settimane di tempo per operare i cambiamenti: Wright al posto di Williams, Myles in attesa della visita cruciale il 15 gennaio che potrebbe acceleare l’addio a Gaines, Reddic sull’uscio per un lungo europeo. E la posizione di Dell’Agnello? Un interrogativo sul quale dovrà decidere la società.



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Ladri in due case, sparita un'Audi A6 In via Ghandi svaligiata la cassaforte Successivo ‘Presepi in villa’, che spettacolo. Ecco tutti i premiati