Biblioteca Fabriano – THE WASHI WAI – La via della carta giapponese 18 Settembre 17.30

the way

THE 和紙 WAY – THE WASHI WAI – La via della carta giapponese Biblioteca Multimediale Fabriano “R. Sassi” , 18 settembre 2015 ore 17.30, presentazione del KAMISUKICHOHOKI.

Il Kamisukichohoki, è un piccolo manuale illustrato sulla fabbricazione
della carta a mano giapponese del 1798. È considerato un classico su questo argomento e di cui la traduzione più attendibile e riconosciuta è quella in Inglese del 1948 a cura di Charles E. Hamilton. Ne esistono altre traduzioni sia in Inglese che in Tedesco e, grazie ad Andrea F. Gasparinetti, ne abbiamo anche una in Italiano del 1954 che è disponibile presso la nostra biblioteca. Conoscere questo libro serve ad apprendere le conoscenze di base della fabbricazione della carta a mano giapponese, washi, che si differenzia moltissimo, per materiali e tecnica, dalla fabbricazione occidentale e che è rimasta inalterata nel tempo. L’arte della carta, inventata in Cina nel 105 d.c. arrivò in Giappone, tramite la Corea e il Buddismo, nel 610 d.c. raggiungendovi il massimo della perfezione.
Fino al 1875, quando fu inaugurata la Oji Paper Mill, in Giappone, la carta fu fatta sempre esclusivamente a mano. Durante la presentazione del libro sarà possibile vedere tutte le foto dell’edizione originale giapponese del 1798 ed altre immagini relative alla fabbricazione attuale.

Per passare poi, dalla teoria alla pratica, il 3 e il 4 ottobre 2015 si terrà sempre a Fabriano anche il workshop “THE WASHI WAY”, LA VIA DELLA CARTA TRADIZIONALE GIAPPONESE. Due giorni di full immersion nella fabbricazione della carta washi e nella cultura che ha prodotto tale carta. Il 3 ottobre il maestro giapponese Nobushige Akiyama farà una dimostrazione all’ACCADEMIA DELLE ARTI CARTARIE di Sandro Tiberi dalle 15:00. Il 4 ottobre i partecipanti avranno la possibilità di sperimentare tale tecnica, la tecnica nagashizuki, dalle 10 alle 13:00 e dalle 14:30 alle 18 al MUSEO DELLA CARTA E DELLA FILIGRANA sotto la guida di Caterina Dorello che mette a disposizione tutte le sue attrezzature originali e l’esperienza di 15 anni vissuti in Giappone di cui 12 ad Ogawamachi, Saitama-ken, città famosa, appunto, per la produzione della carta.

Precedente Ascoli-Entella, squadre in campo nel recupero: segui la partita in tempo reale Successivo Cingoli, folla al funerale di Mattia Coloccioni