Bionda, distinta ed elegante: denunciata la ladra in azione da Gazzani

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Civitanova Marche (Macerata), 5 dicembre 2015 – La ladruncola che nella panetteria Gazzani ha rubato un portafogli appoggiato sul bancone della cassa non si è vista ieri, nonostante il consiglio a farsi viva per evitare la denuncia elargito via Facebook dal titolare dell’attività, Franco Gazzani, ex presidente della Fondazione Carima. Ma la signora, immortalata nelle sue gesta dalle telecamere della videosorveglianza interna del locale, forse non frequenta i social network e si è tenuta alla larga dal luogo del delitto così ieri Aurora Gazzani, proprietaria del portamonete, si è recata in commissariato e ha denunciato quanto accaduto giovedi sera, alle 19.05, nel suo negozio. Nel post che, a caldo, ha pubblicato il padre Franco c’era anche la minaccia di mettere in rete il video che mostra la donna in tutta la sua abilità, ma poi nelle vittime del furto è prevalso il buon senso sulla voglia di rivincita e alla furfante è stata risparmiata la gogna pubblica.

Le immagini mostrano comunque una distinta sessantenne, ben vestita, bionda, che si aggira nella panetteria e a un certo punto si accorge del portamonete lasciato incustodito sul bancone, allora si avvicina ad Aurora Gazzani in quel momento impegnata a sistemare la merce e le chiede un articolo che dice di non trovare per farla allontanare e avere campo libero. A quel punto appoggia una busta sopra il portafoglio e quando nessuno la vede lo afferra e lo infila sotto il cappotto. Tutto documentato e ora in mano alla polizia. «E’ accaduta una cosa tra il ridicolo e il drammatico, perché questa donna non sembra davvero avere bisogno di rubare», osserva Gazzani. Non era la prima volta che metteva piede nel negozio per fare acquisti. Ora la aspettano a braccia aperte…

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Fermo, parte la stagione concertistica con il fuoriclasse del sax Mondelci Successivo Pesaro, la Vuelle e i suoi tifosi: una storia fatta di facce