Bomba a San Marco, don Vinicio. "La chiesa dà fastidio? Io vado avanti"

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Fermo, 13 aprile 2016 – «Una chiesa attiva su tutti i fronti, contro il degrado del quartiere e per l’accoglienza dei migranti, probabilmente dà fastidio: quando uno dice ‘messa e rosari e basta’, non infastidisce nessuno. La mia vita è nelle mani di Dio, e io non mi faccio certo intimorire: andiamo avanti, con più determinazione di prima». Questo è il commento di don Vinicio Albanesi sull’ordigno rudimentale fatto esplodere la notte scorsa davanti al portone della sua parrocchia, nella frazione di San Marco alle Paludi a Fermo (FOTO).

“Un avvertimento”, dice il sacerdote, che potrebbe avere matrici diverse: «un messaggio mafioso, da parte di chi gestisce lo spaccio di droga e la prostituzione nel quartiere di Lido Tre Archi; un gesto delinquenziale di bassa lega, o un attentato di natura anticlericale: di sicuro chi ha agito ci conosce bene. Sa che io non abito lì, e ha alzato il potenziale offensivo dell’ordigno, rispetto alle ‘bombe’ piazzate in precedenza davanti ad altre due canoniche».

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente BOATO ALL’OSPEDALE DI PERGOLA, LADRI FANNO SALTARE IL BANCOMAT CON L’ESPLOSIVO Successivo Festival di Livorno, errata corrige Fabriano in provincia di Perugia