Bomba carta tra Meletti e Palazzo dei Capitani: assoluzione bis per gli imputati

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ascoli, 29 settembre 2015 – La Corte d’appello di Ancona ha confermato la sentenza emessa il 17 giugno 2013 dal giudice del Tribunale di Ascoli, Marco Bartoli, assolvendo di nuovo due ascolani accusati di aver fatto esplodere nel Capodanno 2009 una bomba carta fra il Caffè Meletti e il Palazzo dei Capitani.

Una deflagrazione violentissima, causata da un ordigno artigianale che provocò seri danni non solo allo storico caffè ascolano, anche ad un’abitazione e ad un negozio nei pressi.

Imputati erano un commerciante di 44 anni e un 25enne, entrambi ascolani. La Procura li accusava di danneggiamento aggravato e di porto di ordigno in luogo pubblico, con l’aggravante che si trattava di uno spazio di adunanza di persone e che il fatto è avvenuto di notte in un luogo abitato. Anche in appello l’accusa aveva chiesto la condanna di entrambi gli imputati: due anni e due mesi per il 44enne due anni per l’indagato più giovane, con la sospensione della pena subordinata al risarcimento della parte civile, la società Caffè Meletti srl. La corte d’Appello ha invece confermato l’assoluzione.

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Ascoli, microcar va a sbattere contro un albero, feriti quattro ragazzi Successivo IL METEO DI OGGI A FABRIANO E NELLE MARCHE -by il Borghigiano-