Bomba di Borgo Pace, il tempo è scaduto

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
Il Borghigiano Il Resto del Carlino

Pesaro, 14 ottobre 2014 – Se raccontiamo da qualche parte all’estero la storia della bomba di Borgo Pace ci prendono per matti. Speriamo che nessuno se ne accorga. C’è un ordigno (che potenzialmente può esplodere) abbandonato dal 27 dicembre 2013 in un campo a 200 metri dal paese e il rappresentante dello Stato tenta il dribbling scaricando sull’esercito, invocando leggi, codici, regolamenti e cavilli.

E la bomba da 150 chilogrammi, che non è una carcassa d’auto, resta lì, pericolosa e abbandonata. Il prefetto se la cava dicendo “ho fatto il possibile e non propongo più nulla”.

Nessuno lo vuole nelle vesti di sminatore, ma sta a lui mediare e risolvere il problema di questa minuscola comunità. Giudizio: bocciato in emergenza, promosso in burocrazia. Il sindaco di Borgo Pace non può fare un mutuo in banca per rimuovere l’ordigno. Serve una strada alternativa. Se lo Stato ha bonificato l’Italia intera dopo la guerra una soluzione deve trovarla anche per questo paesino adagiato sulle colline. Il tempo è scaduto. La bomba da quel campo deve sparire prima che qualcuno si faccia male.



 

Precedente Regione gira 12 mln a enti locali Successivo Bar 'Felix', di nome e di fatto: cliente gratta e vince 10mila euro