Brutti e possibili in gara, il fascino italico non abita a Piobbico

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
Il Borghigiano Il Resto del Carlino

Piobbico (Pesaro e Urbino), 5 settembre 2014 – Grande attesa per la elezione del presidente mondiale dei brutti che si terrà domenica prossima a Piobbico. Agguerritissimi candidati si contenderanno lo scettro della famosa associazione che, forte degli oltre 30.000 iscritti, è conosciuta in tutto il mondo per la strenua difesa dei meno fortunati, coloro che vivono uno stato di emarginazione, sfiducia in se stessi, insicurezza, frustrazione ed esclusione sociale.

Dopo la chiusura della campagna elettorale che si terrà sabato sera nelle taverne del borgo, domenica si aprirà il seggio nella storica sede di Piazza Sant’Antonio. Tutti gli iscritti (sono naturalmente sempre aperte le iscrizioni al club) potranno esprimere la loro preferenza secondo una lista di candidati alla presidenza del club che sembra quest’anno molto agguerrita.

Il presidente Giovanni Aluigi detto la “Belva” da tempo sta lavorando per confermarsi re dei brutti ma contendono lo scettro Giancarlo Aluigi detto “Giacobbe”, Matteo Blasi detto “Gede”, Samuele Scardacchi detto “Zamu”, Mirco Martinelli detto “Birra” ed infine Massimiliano Martinelli detto “Tumasse”. Tutti comunque possono presentare la propria autocandidatura, attraverso una fotografia che verrà affissa durante le votazioni nella sede elettorale.

Tutti concorrenti motivati a guidare questa particolare “Armata Brancaleone” che da anni cerca di combattere la dittatura della bellezza nella società dei media monopolizzata dalla apparenza, amplificata negli ultimi anni dallo strapotere dei social network che prediligono la forma alla sostanza.



Precedente Sequestrati duemila prodotti contraffatti Scoperti anche tre lavoratori "in nero" Successivo Un furto compiuto da professionisti Ciriaci avverte: "Ci stiamo già rialzando"