Buon Compleanno ad Eduardo De Crescenzo

Eduardo De Crescenzo

Eduardo nasce a Napoli, sotto il segno dell’Acquario, l’8 febbraio del 1951 da una famiglia ricca di temperamento artistico: il padre si dilettava con il pianoforte, il nonno paterno era un impresario teatrale, lo zio Vincenzo un poeta, autore, tra l’altro, della mitica canzone Luna Rossa che si fregiò delle interpretazioni mitiche di Elvis Presley e Frank Sinatra. L’incontro con la musica arriva precocissimo: “Mi racconta mia madre della mia infantile testardaggine: parlavo appena, ma già mi ostinavo a volere una fisarmonica. La vedevo suonare agli angoli delle strade di Napoli dai cosiddetti posteggiatori, e restavo ad ascoltarli per ore. Quando cercavano di portarmi via, ogni volta erano urla e pianti, e così il suonatore si inteneriva e mi lasciava suonare…”. E proprio quello strumento, insieme alla musica, diventa per De Crescenzo ragione di vita: a 3 anni riceve in dono la sua prima fisarmonica e subito la suona “a orecchio”; a 5 debutta al Teatro Argentina di Roma e inizia gli studi classici con il maestro Giuseppe Bavota, ma ha già un ammiratore importante, l’armatore Achille Lauro che, colpito dalla sua vivacità artistica, diverrà il suo mecenate, finanziandogli per alcuni anni gli studi di musica. Arrivano i primi concorsi, le feste di piazza e poi i complessi: sono gli anni in cui soul, blues e jazz invadono i night. Eduardo, messa temporaneamente da parte la fisarmonica, si dedica a pianoforte e tastiere. Tutto purché si suoni. Dopo la ragioneria, prosegue con la Facoltà di Legge, dà otto esami, ma è la musica che riempie i suoi pensieri.

FONTE http://www.eduardodecrescenzo.it/

Precedente Terremoto, scossa di magnitudo 2.4 sul Monte Conero Successivo La Lube batte Piacenza in soli tre set