Cade dalla scala: muore dopo due giorni di agonia

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
Il Borghigiano Il Resto del Carlino

Cingoli (Macerata), 11 ottobre 2014 – Tanto banale e imprevedibile è stato l’infortunio, per quanto purtroppo e tragicamente fatale se ne è rivelata la conseguenza. E’ morta durante la tarda mattinata di ieri la 69enne Alba Bartolelli in Bracaccini, conosciuta come “Albetta”, che nel pomeriggio di mercoledì scorso era caduta dalla scala usata per raccogliere le giuggiole dall’alberello cresciuto vicino alla propria abitazione situata nella frazione Saltregna di Cingoli.

Ancora non sarebbero state accertate le cause che hanno provocato l’incidente domestico, avvenuto sotto gli occhi dei familiari: in quel momento la donna era con la sorella, la scala ha pochi pioli e la casalinga ne aveva saliti solo alcuni quando, forse per un improvviso malore o un’altrettanto fortuita scivolata, ha perso l’equilibrio ed è piombata al suolo battendo violentemente il capo. Immediati i soccorsi: allertato il 118, sul posto è giunta l’automedica, e il dottore, visto che la donna pur sottoposta all’urgente terapia di rianimazione non dava segno di riaversi dal grave trauma cranico subito, ha chiesto l’intervento dell’eliambulanza Icaro 1 con cui è stato effettuato il trasferimento nell’ospedale regionale di Torrette. Nonostante le cure, la Bartolelli, ricoverata in prognosi riservata, non ce l’ha fatta.

La caduta, per la sua dinamica e il funesto epilogo, ha prodotto una notevole impressione non soltanto nella zona il cui “Albetta”, madre di tre figli e nonna di numerosi nipoti, è molto conosciuta per il suo carattere gioviale e il dinamismo che la distinguevano. Prima di essere consegnata ai familiari, la salma dovrebbe venir sottoposta ad ispezione cadaverica, per cui la data del funerale ancora non è stata fissata.



 

Precedente "Armi chimiche sui fondali di Pesaro". Un mistero lungo 70 anni Successivo Aggredito davanti al figlio, tassista finisce all'ospedale