CADUTE CON STILE – Dal 20 febbraio al 13 marzo 2016 a Fabriano

cadute con stile

CADUTE CON STILE – Dal 20 febbraio al 13 marzo 2016 a Fabriano, nella Nuova Galleria delle Arti – Via Gioberti – Orario: dal venerdì alla domenica 17.00 / 20.00 si terrà la Rassegna Cadute con stile. Gli Artisti che vi prendono parte: Angelo Accadia, Rossella Baldecchi, Massimo Bardelli, Angelisa Bertoloni, Andrea Biffi, Luigi Cioli, Pippo Cosenza, Luigi Ferretti, Riccardo Fioretti, Remo Giombini, Lughia, Anna Massinissa, Massimo Melchiorri, Enrico Miglio, Rosella Passeri, Cecilia Piersigilli, Caterina Prato, Paolo Rinaldi, Antonio Sorace. Curatore: Giuseppe Salerno, Organizzazione: Associazione InArte. Inaugurazione: Sabato 20 febbraio ore 18.00
“Cadute con stile” è l’esposizione collettiva di venti artisti che, muovendo da un intervento a parete, vanno alla ricerca di luoghi e modalità di rappresentazione più complesse che impegnano lo spazio in ogni sua dimensione. Da oltre un secolo l’arte visiva non è più ascrivibile all’interno di categorie rigide quali la pittura, la scultura, la fotografia e le tante altre rese possibili dagli strumenti del tempo. E’ del resto riduttivo e anacronistico ricondurre ogni espressione dell’arte, intesa nella sua generalità, a pura immagine, parola, suono o performance. Teorizzata da Richard Wagner, l’”opera totale”, quella capace di avvolgere e coinvolgere lo spettatore attraverso la contemporanea sollecitazione di più sensi, è per molti artisti di diversa provenienza la massima aspirazione. Svincolatosi dalle rigidità tecniche ed espressive del passato, l’artista è portatore di una visione a 360 gradi incentrata sulla cultura dell’attraversamento e della commistione. Indifferentemente, e congiuntamente, si avvale della parola, del colore, della materia, del suono e del corpo ogni qualvolta dall’incontro e dall’intreccio dei linguaggi ritenga possa più compiutamente emergere il proprio sentire.
In questa direzione si colloca “Cadute con stile”, esposizione collettiva di artisti che, partendo da un proprio intervento a parete, vanno alla ricerca di luoghi e modalità di rappresentazione complesse che impegnano lo spazio in ogni sua dimensione. Ad accentuare il carattere provocatorio dell’arte, venti installazioni assolutamente uniche fuoriescono dalle tele e ci investono con il loro contenuto poetico attraverso forme e colori che contaminano le nostra vita.

D.G.

Precedente Videogioco proibito, multa da 20mila euro a Porto San Giorgio Successivo Il comitato degli alluvionati propone una mediazione