Calcio goleada – Il Fabriano è troppo forte Fossombrone annichilito in casa

Fabriano Calcio vittoria

Piergallini (di spalle) festeggia Francioni per il quinto gol

IL BORGHIGIANO – Fossombrone 1 Fabriano 5

FC FORSEMPRONESE 1949 (4-4-2): Mumuni 6, Rosetti 6, Mistura 6, Barone 6, Bartoli 6; Rosati 6 (10’ st Pagliari L. 6), Pagliari S. 6 (46’ Palazzi 6,5), Marcolini 6, Paradisi 6,5; Battisti 6 (25’ st Romiti 6), Cecchini 6. A disp.: Savini, Tonucci, Matteagi. All. Mariotti.

FABRIANO CERRETO (4-3-3): Spitoni 6; Savelli 6, Boinega 5,5, Lanzi, Severini 6 (41’ st Broglia ng); Scotini 6, Bartoli, Aquila 6,5; Francioni 6,5 (35’ st Moretti ng), Martellucci 6,5 (31’ st Bellucci ng), Piergallini 6,5. A disp.: Rossi, Gangini, Bianchi, Berettoni. All. Spuri Forotti. Arbitro: Pizzichini di Macerata 5,5. Reti: 8’ e 27’ Piergallini; 9’ Martellucci, 20’ Bartoli E., 5’ st Francioni, 15’ st Palazzi.

Fossombrone NON SUCCEDE spesso che quasi tutte le annotazioni sul taccuino del cronista coincidano con altrettanti gol, ma proprio questo è accaduto ieri al comunale di Fossombrone. Si sapeva che lo scontro con Fabriano sarebbe stato pressoché proibitivo, ma se possibile sul campo per Fossombrone è andata anche peggio, nel senso che, a parte i primi sette o otto minuti, dopo la squadra di Mariotti è scomparsa, annichilita da un Fabriano superiore. Dopo qualche schermaglia in cui già si preannuncia un Cerreto dal piglio gladiatorio, all’ottavo ecco il primo gol, un rasoterra a firma Piergallini. Neanche un minuto più tardi, arriva il raddoppio, con Martellucci che stavolta perfora la rete forsempronese con un tiro di prima intenzione che si infila sotto alla traversa. Al 20’ arriva lo zero a tre che praticamente chiude i conti. Lo realizza Emiliano Bartoli (fratello di Davide, il terzino del Fosso) direttamente su calcio di punizione dal vertice dell’area. Sette minuti più tardi di nuovo Piergallini sugli scudi: sua è la firma sullo zero a quattro. L’unico altro sussulto del primo tempo è un fallo di Boinega su William Cecchini: sembrerebbe un rigore piuttosto netto, ma l’arbitro fa proseguire, anche perché il suo collega di linea non dà cenno di aver visto alcunché. La ripresa si apre con Francioni che porta i suoi sul cinque a zero, appena al 5’. passano dieci minuti e Fossombrone arriva il gol della bandiera, a firma Palazzi. Ieri era il compleanno di capitan Cecchini: sicuramente avrebbe voluto ricordarselo un po’ più allegro di questo.

Notizia riferita dal Resto del Carlino sport da a. bia

Precedente Rete lirica Marche, boom spettatori Successivo Previsioni meteo Marche: allerta vento Sull'Italia pioggia e abbondanti nevicate