Calcio, la Civitanovese gioca a tennis

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
Il Borghigiano Il Resto del Carlino

Castelfidardo, 12 ottobre 2014 – Parafrasando un vecchio quanto intramontabile e fortunato claim, ormai possiamo affermare che “Civitanovese vuol dire divertimento”.

Dopo il rocambolesco 3-3 scaturito nel derby contro i fratelli sambenedettesi, i rossoblù del presidente Patitucci si ripetono contro il Castelfidardo. Rispetto al match di Monte Urano, c’è però una differenza sostanziale: il risultato finale. Sull’ostico terreno del “Galileo Mancini” la Civitanovese torna ad assaporare il dolce sapore della vittoria. Un pieno dall’elevato peso specifico dato che il team di mister Mecomonaco ha violato uno dei campi più difficili del girone rifilando 6 reti a una squadra notoriamente ermetica come quella di Mobili e rimontando per ben due volte lo svantaggio.

Tra le note positive non ci si può esimere dal segnalare la doppietta di elevata fattura di Pintori, di gran lunga il migliore in campo (il rigore sprecato al tramonto della prima frazione non macchia assolutamente la sua prova), così come quella di Degano che finalmente ha trovato la via del gol dopo innumerevoli tentativi. Inoltre Amodeo ha timbrato come al solito il cartellino con la rete mentre Bensaja si è dimostrato ancora una volta uno dei migliori under del torneo suggellando la pregevole prestazione con una rete da piccolo Messi.

Saggiate le qualità, sbloccate tutte le bocche da fuoco, ora non resta che dare continuità ai risultati. La strada imboccata è quella giusta.

CASTELFIDARDO (4-2-3-1): Aniadiegwu, Cervellini (32’ st Taddei), Pretini, Carboni (17’ st Dell’Aquila), Belelli, Labriola, Tassi, Fermani, Cavaliere, Simoncelli (37’ st Urbinati), Sbarbati. A disposizione: Recchiuti, Staffolani, Strano, Bonifazi, Grottini, Ciccioli. Allenatore: Roberto Mobili (assente per motivi familiari).

CIVITANOVESE (4-2-3-1): Agresta (7’ st Silvestri), Ficola, Mioni, Bensaja, Biagini, Gialloreto (12’ st Morbiducci), Forgione, Ferrini, Amodeo (32’ st Massaccesi), Degano, Pintori. A disposizione: Giovino, Margarita, Ruzzier, Terlino, Mengali, Foresi. Allenatore: Antonio Mecomonaco.

ARBITRO: Matteo Perissinotto di San Dona’ di Piave (Fedele di Forlì – Ferro di Ferrara). RETI:12’ pt Fermani (Ca), 30’ pt Amodeo (Ci), 47’ pt Sbarbati (Ca), 3’ st e 45’ st Pintori (Ci), 9’ st e 19’ st Degano (Ci), 29’ st Bensaja (Ci).



 

Precedente La Maceratese soffre ma vince. Romano stende l’Amiternina nel finale Successivo Studente pestato da 5 rapinatori