Camerino – Synbiotec, raccolta di fondi sul web con Next Equity

Symbiotec

IL BORGHIGIANO FABRIANO IL BLOG DELLE MARCHE – Uno spin off dell’Università di Camerino lancia la sua sfida al mercato cercando soci finanziatori sul web.

Si chiama Synbiotec la società nata dal talento di un team di ricerca dell’ateneo camerte che opera nel campo delle biotecnologie e che ora per crescere avvia una raccolta di capitali su nextequity.it, portale on line della società Next Equity Crowdfunding Marche di Civitanova. Synbiotec, prima pmi in Italia a ricorrere a questo strumento (chiamato ‘equity crowdfunding’), è attiva nello studio e produzione di probiotici, microrganismi naturali che hanno effetti benefici sulla salute sia degli uomini che degli animali; un’attività per cui Synbiotec ha già attenuto importanti riconoscimenti internazionali.

L’iniziativa è stata presentata ieri mercoledì 11 novembre  a Civitanova, presso la Residenza Mista Comune di Civitanova/Università di Camerino (via Nelson Mandela n. 31). Sono intervenuti Tommaso Claudio Corvatta, sindaco di Civitanova; Flavio Corradini, rettore di Unicam; Ferdinando Cavallini, direttore generale della Banca della Provincia di Macerata; Michela Centioni, amministratore unico di Next Equity e Alberto Cresci, fondatore e presidente di Synbiotec.

Synbiotec, spin off di Unicam partecipata anche dalla Banca Popolare di Ancona, nasce nel 2004 da un’idea del professor Cresci, affiancato da ricercatori impegnati nello studio, sviluppo e produzione di probiotici. Questi microrganismi sono capaci di migliorare in particolare l’equilibrio della microflora intestinale: potenziano il sistema immunitario, contrastano i batteri patogeni e svolgono un’azione antinfiammatoria sulla mucosa intestinale. Dopo un lungo lavoro di ricerca che ha ottenuto importanti riconoscimenti scientifici (oltre 100 lavori pubblicati su riviste di rilevanza internazionale), Synbiotec ha messo a punto prodotti a base di probiotici di alta qualità, ottenendo anche il brevetto italiano ed europeo per due particolari ceppi che l’azienda ha studiato e isolato.

I prodotti Synbiotec (che comprendono integratori alimentari e dispositivi medici) sono già presenti in farmacie di Marche e Umbria ed ora la società punta ad allargare il business creando una forte rete commerciale e potenziando la parte produttiva. Un progetto che trova diverse applicazioni (dalla sfera preventiva e terapeutica all’industria alimentare) e che punta su un settore in forte crescita: si stima che entro il 2020 il mercato dei probiotici raggiungerà il valore di 46,55 miliardi di dollari.

Il caso Synbiotec mostra significative sinergie sul territorio: il portale che lancerà la raccolta capitali è di Next Equity Crowdfunding Marche, che collabora in questa operazione con la Banca della Provincia di Macerata. Next Equity è la prima società della regione e la quinta in Italia ad essere stata autorizzata dalla Consob per l’esercizio dell’equity crowdfunding, che consente a start up e pmi innovative di trovare soci finanziatori attraverso portali on line. La società di Civitanova, costituita nel 2014 da professionisti esperti in materia finanziaria e societaria con l’obiettivo di far incontrare il capitale con l’innovazione, è diventata un caso nazionale grazie al successo della prima campagna per la start up BioErg. Notizia riferita dal Corriere Adriatico

credit foto by FB

Precedente Picchio d'oro a card. Menichelli Successivo San Benedetto: cadono calcinacci da un palazzo, caos nel centro cittadino