Campitelli chiede scusa. «Ma ora sono pronto a ripartire»

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Teramo, 5 settembre 2015 – Luciano Campitelli, presidente del Teramo, è tornato a parlare nel corso di una conferenza stampa. Chiede scusa a tutti i tifosi «per quanto accaduto», per non essersi circondato «solo di persone corrette» e, malgrado gli intenti, «di non essere riuscito a difendere quanto conquistato con merito sul campo», ribadendo «di essere totalmente estraneo a ogni addebito» che gli è stato rivolto. Insomma, pur non nominandolo, l’accusa sembra rivolta all’ex direttore sportivo Marcello Di Giuseppe. «È la prima volta che mi capita di fare una conferenza di questo tipo – ha detto in apertura il presidente biancorosso -. Ringrazio tutti per le migliaia di lettere d’incoraggiamento ricevute, che dimostrano stima e affetto. Questa società, nel suo percorso, ha fatto sacrifici disumani: avevamo toccato una cosa insperata». Non mancano riferimenti, pur velati, all’Ascoli. «Voglio anche ricordare che dalla Promozione fino ad ora abbiamo sempre vinto i campionati senza aiuti, senza ripescaggi, e di questo ne siamo fieri. Oggi sono qui per ripartire insieme a voi, con grinta e determinazione come il primo giorno e per ricostruire un grande Teramo. Stiamo lavorando per una nuova struttura societaria, con la nomina di un nuovo consiglio di saggi, al fine di evitare determinati errori in futuro».

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Infermiera faccia a faccia con il ladro al 118. «Sicurezza al minimo sindacale» Successivo Arriva l’illuminazione a led. Ma in alcune vie c’è la penombra