Campofilone, la Pro Loco nel mirino della Finanza

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Campofilone (Fermo), 3 novembre 2015 – Presunte incongruenze sul bilancio, documenti non contenuti nella contabilità e donazioni di vivande effettuate con procedure non del tutto trasparenti. Per questi motivi la Pro Loco di Campofilone è finita nel mirino della Guardia di Finanza, che indaga su presunti illeciti compiuti tra il 2009 e il 2014. Da circa tre settimane gli uomini delle Fiamme Gialle stanno scavando nella documentazione della Pro loco, per fare chiarezza su eventuali irregolarità che rischiano di far finire nella bufera l’associazione e i vertici del periodo finito sotto esame degli investigatori.

I finanzieri, dopo aver fatto visita alla sede della Pro Loco, hanno effettuato un blitz anche nello studio del commercialista dell’associazione ed hanno acquisito tutta la documentazione del periodo oggetto dei controlli. All’esame del materiale sequestrato sono emerse diverse incongruenze della contabilità e un bilancio approvato senza il parere del revisore dei conti. Tali punti oscuri hanno condotto ad ulteriori acquisizioni di informazioni sui fornitori della pro loco e sulle presunte donazioni all’associazione. Gli uomini delle Fiamme Gialle hanno iniziato ad ascoltare tutti quelli che potrebbero fornire elementi utili all’indagine. Si tratta di persone informate dei fatti che sono state interrogate (senza la presenza del loro avvocato) nei giorni scorsi. Tra questi anche l’attuale presidente della Pro Loco, totalmente estraneo ai fatti, in quanto nominato di recente e quindi non in carica nel periodo finito sotto la lente d’ingrandimento della Guardia di Finanza. L’impressione è che ci si trovi di fronte alla punta di un iceberg pronto ad emergere.

In effetti l’attività della Pro Loco di Campofilone ha numeri da grande impresa e ci vorrà tempo per esaminare l’intera situazione. L’associazione, è sempre stata molto attiva nel campo delle organizzazioni di eventi legati alla promozione del territorio e dei prodotti tipici. Senza alcun dubbio, la più nota delle manifestazioni è la sagra dei maccheroncini, di indiscussa fama nazionale, che si svolge nel pieno dell’estate. La sagra, promossa dalla Pro Loco e dall’amministrazione comunale, vede un esercito di volontari al lavoro, pronti ad accogliere migliaia di visitatori, che giungono in massa a Campofilone, per assaggiare uno dei piatti simbolo della specialità gastronomica rinomata in tutto il mondo. E’ in questa grande kermesse e nei pastai che vi ruotano attorno, che gli inquirenti stanno scavando in ogni dettaglio. Il timore è che potrebbe essere solo l’inizio di un’inchiesta destinata a far tremare tutto il territorio.

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle

Precedente Autovelox come bancomat: la Provincia fa il pieno con le multe Successivo IL METEO DI OGGI A FABRIANO E NELLE MARCHE -by il Borghigiano-