Cane col collare elettrico: liberato setter maltrattato

collare elettrico

IL BORGHIGIANO IL BLOG DI FABRIANO E DELLE MARCHE – Ulteriori verifiche hanno permesso di appurare che l’animale indossava quel tipo di collare da almeno tre anni e che lo scopo fosse proprio evitare che abbaiasse. Il proprietario del cane, un cacciatore, deteneva l’animale a scopo venatorio e per il resto del tempo lo deteneva rinchiuso da solo. Oltre all’isolamento sociale all’animale è inoltre stato inibito anche un normale bisogno etologico, quello di comunicare, associando il dolore e la paura ai naturali vocalizzi che un cane emette per esprimere uno stato d’animo, un’emozione o per veicolare un messaggio. A seguito di una segnalazione riguardo un cane con uno “strano” collare al collo, il nucleo di guardie zoofile Oipa Ancona ha effettuato un sopralluogo in un’abitazione di Montemarciano, frazione Cassiano. Giunti sul posto hanno trovato un cane, un setter inglese di 10 anni, detenuto all’interno di un serraglio in giardino. Il cane indossava un collare impostato per rilasciare una scossa elettrica in risposta all’abbaio. Il cane, che una volta libero dal collare ha potuto finalmente abbaiare di nuovo, è stato posto sotto sequestro probatorio e trasferito presso il canile sanitario di Jesi, mentre il proprietario è quindi stato denunciato per maltrattamento di animali. “Le condizioni di detenzione di questo cane esplicitano senza ombra di dubbio che era considerato esclusivamente come uno “strumento” utile per l’attività di caccia, ma nulla di più – sottolinea Rocco Coretti, coordinatore delle guardie zoofile Oipa Ancona – La condotta denunciata gli ha negato per moltissimo tempo un bisogno primario, quindi lo faremo sottoporre ad un periodo di osservazione e ad una perizia da parte di un medico veterinario comportamentalista”. Notizia riferita dal Corriere Adriatico

Precedente Fermignano, disoccupato gioca 20 euro alla ricevitoria Guidi ?e ne vince 10 mila Successivo Ancona, addio ad Alvaro Falcetelli il papà della Conero Caravan