Caos ghiaccio, auto e bus bloccati a Ragioneria

Cittadini infuriati con il Comune, domenica il termometro ha toccato i meno 6

di Alessandro Di Marco

GHIACCIO, disagi e polemiche in città e nel suo vasto comprensorio. La colonnina di mercurio arrivata nelle ultime due notti anche a toccare i sei gradi sotto lo zero ha richiesto un surpluss di lavoro agli operatori municipali tra centro e frazioni. In particolare nell’immediata periferia dell’area urbana si sono registrate le situazioni più critiche e caotiche nella prima mattinata di ieri con lunghi incolonnamenti di auto rimaste in panne a causa del gelo. E’ stato così sulla salita che porta a Collepaganello e sopratutto nel tratto ugualmente in ascesa che conduce al “Morea” l’istituto di Ragioneria dove auto private e bus sono restati fermi per diverse decine di minuti durante l’orario di ingresso a scuola. Sono così dovuti arrivare in tutta fretta gli operai municipali con pale e piccozze per scardinare le lastre di gelo e consentire alle vetture di raggiungere la sede scolastica.

<<EFFETTIVAMENTE qualche disagio c’è stato>> ammette il sindaco Giancarlo Sagramola di fronte alle prime, decise polemiche.<<Purtroppo, però, non possiamo arrivare ovunque in tempi rapidissimi. Abbiamo scelto di rendere raggiungibili già prima dell’alba i piazzali e le strade degli istituti che ospitano i bambini più piccoli, ovvero materne, elementari e medie, mentre più tardi siamo intervenuti sulle scuole superiori. Capisco che qualcuno possa essersi lamentato, ma al tempo stesso è doveroso richiamare tutti al senso civico. Di fronte ad un meteo così invernale c’è ancora chi si avventura in strade di colline e montagna senza mezzi adeguati e per questo è giusto che le forze dell’ordine applichino le sanzioni seguendo l’ordinanza di qualche settimana fa sull’obbligo in territorio comunale di utilizzo di gomme termiche o catene in caso di neve o gelo>>.

UNA DECINA in totale i chili di sostanza chimiche simili al sale deputate allo scioglimento del ghiaccio versate nei punti a rischio della circolazione, mentre nelle frazioni di Castelletta e Campodonico sono entrati in azione gli spazzaneve, in quanto la coltre bianca in mattinata a cominciato a raggiungere livelli abbastanza preoccupanti. Al pronto soccorso cittadino, intanto, sono iniziati a registrarsi i primi, amcpra sporadici, vasi di cadute e contusioni dovute proprio a quella lastra di ghiaccio formatasi sopra la neve che, secondo l’allerta della Protezione Civile, nelle prossime ore potrebbe rappresentare un pericolo ancora maggiore stante temperature annunciate come ancora più rigide.

 

I commenti sono chiusi.