Capodanno con musica e street food in piazza

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
IL BORGHIGIANO 20142015

Pesaro, 30 dicembre 2014 – Street food, spettacolo, musica e solidarietà: sono le parole-chiave dei festeggiamenti organizzati dal Comune per la notte del 31 dicembre San Silvestro in piazza del Popolo a Pesaro. ‘Un aperitivo lungo un anno’ è il tema scelto per questa lunga notte capodanno. «Abbiamo voluto dare un’opportunità – dice l’assessore Enzo Belloni – a chi ha un locale in centro, di spostare parte della propria attività nei gazebo in piazza. Hanno aderito Bar Centrale, Il Gelato di Juri, Caffè ducale, Nero Caffè, Baricentro, Officina delle erbe, che proporranno apericena per tutti i gusti. Ma non dovranno essere sparati né petardifuochi d’artificio, poiché come Comune abbiamo emesso un’ordinanza che li vieta sia in piazza del Popolo che nelle vie limitrofe».

Il programma prevede dalle 20 dj di Radio Prima Rete con scenografiche luminose proiettati sui palazzi in piazza, realizzati in collaborazione con “XXX Fuorifestival”, quindi dalle 21.30 concerto di Alessandro Paglialunga e Luca Nicolini, quindi dalle 23.45 il conto alla rovescia per l’anno nuovo avrà come colonna sonora la musica rock di Joe Castellani Blues Machine che proseguirà fino a oltre le due di notte. «Sarà anche un Capodanno solidale – annuncia l’assessore Enzo Belloni -: verranno distribuiti duecento buoni-pasto a chi è meno fortunato di noi. «Un grazie speciale a tutti i volontari che la sera dell’ultimo dell’anno hanno scelto di mettere a disposizione il proprio tempo per chi ha più bisogno – dice l’assessore Sara Mengucci -. Grazie a Conad che metterà a disposizione di tutti un gazebo con panettoni, pandori e bottiglie per il brindisi, la somma raccolta andrà in beneficenza alle associazioni che hanno collaborato con il Comune nel realizzare questa iniziativa».

di Benedetta Andreoli



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Schianto tra due auto. Paura sull'autostrada Successivo Maltempo: Ancona potenzia strutture accoglienza senza tetto