Caro sindaco, abbi il coraggio

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
IL BORGHIGIANO 20142015

PEsaro, 8 febbraio 2015 – Tre piene ‘cinquantennali’ in dieci anni. Chissà se il Foglia, dopo aver fatto un altro fracasso di danni, stavolta in abbinata col mare, è riuscito a farsi capire. Mah. Non l’hanno preso sul serio prima, viene da dubitare adesso che lo zelo dell’emergenza lasci spazio a una seria prevenzione.

Prendiamo il disordine urbanistico di Pesaro.

Via Sardegna, orti e capanni sotto un metro e mezzo d’acqua, è l’esempio smaccato dell’abuso legalizzato mediante condoni e sanatorie varie: i proprietari di quei fabbricati pagano l’Imu, il Comune incassa senza un minimo di senso di colpa per aver permesso negli anni il crescere della cittadella sotto l’argine. Che adesso deve pure difendere. Sull’altra sponda, come se via Toscana non avesse mai insegnato nulla, insediamenti artigianali e industriali in aree golenali, regolarmente sott’acqua.

Le calamità pretendono coraggio. Chissà se il nostro sindaco avrà il coraggio di fare un passo indietro dai luoghi del pericolo: stop alle previsioni urbanistiche, aree di laminazione spontanea per il fiume. Lo vedremo più avanti: quando il Foglia torna piccolo e docile, è allora che riaffiora la tentazione di ricominciare come se niente fosse.



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Comune di Fabriano - Avviso di gara per la concessione in locazione di un immobile Comunale Successivo Vallugola e ex-Circolino devastati dal mare