Casa di Alice, il Riesame dovrà pronunciarsi di nuovo sulla scarcerazione degli operatori

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
FONTE IL RESTO DEL CARLINO

Grottammare (Ascoli Piceno), 15 novembre 2014 – La Corte di Cassazione ha accolto l’istanza presentata dagli avvocati Francesco Voltattorni, Gennaro Lettieri e Donatella Di Berardino: il tribunale del Riesame dovrà pronunciarsi di nuovo sulla richiesta di scarcerazione presentata dai cinque operatori della Casa di Alice, finiti nell’inchiesta della Procura di Fermo sui presunti maltrattamenti (foto e videoai danni degli ospiti della struttura di Grottammare affetti da diverse forme di autismo.

Voltattorni, uno dei difensori dei cinque indagati (agli arresti domiciliari dal 15 luglio scorso): “Non sappiamo quale dei punti che abbiamo posto all’attenzione della Cassazione è stato preponderante, ma di certo prendiamo finalmente atto che c’è qualche giudice che si sta finalmente rendendo conto dell‘insussistenza delle accuse nei confronti dei nostri assistiti”.

La Cassazione ha annullato con rinvio la decisione del Riesame di negare la libertà ai cinque operatori. “Lo stesso procuratore generale durante l’udienza aveva chiesto l’annullamento dell’ordinanza del Riesame in riferimento al punto riguardante le intercettazioni ambientali”, spiega Voltattorni, che già pensa alla nuova udienza davanti al Riesame che deve ora essere fissata. La Procura di Fermo ha chiesto il giudizio immediato per gli indagati; l’inizio del processo è fissato per il 21 gennaio 2015.



 

Precedente Si accascia a Pietralacroce durante la mezza maratona Successivo Famiglia sequestrata e rapinata Anche una bimba minacciata