«Case popolari pagate in nero». In Consiglio spunta una lettera anonima

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Macerata, 10 novembre 2015 – «Pagamenti in nero per l’acquisto di appartamenti in edilizia convenzionata». Ha colto l’occasione del dibattito sull’edilizia convenzionata in Consiglio comunale la consigliera Anna Menghi per tirare fuori una lettera anonima, che gli è stata recapitata nei mesi scorsi, in cui si mettono per iscritto i pagamenti effettuati in nero da una decina di famiglie per l’acquisto di appartamenti in una delle zone residenziali più richieste della città. «Nella lettera che è stata recapitata a me, ai consiglieri Riccardo Sacchi e Deborah Pantana, ma anche al procuratore, al prefetto e al questore – spiega Menghi – si parla di appartamenti che ricadono all’interno di tre palazzine di edilizia pubblica convenzionata, per il cui acquisto sarebbero state chieste delle grosse cifre in nero. Come se non bastasse, nella lettera si spiega che le palazzine sarebbero state realizzate con materiali scadenti e non conformi alla progettazione inizialmente autorizzata dall’ufficio tecnico del Comune».

Nella lettera, infatti, si fa riferimento a «fondazioni e strutture portanti, come colonne e travi, realizzate con un cemento armato non a norma e fortemente sottodimensionato in vari punti. Nonostante si tratti di edifici costruiti recentemente – si specifica ancora nella lettera –, le strutture mostrano già in alcuni punti notevoli situazioni di stress, evidenti fessure e preoccupanti filature».

Vista la pesante denuncia, Anna Menghi chiede se l’Amministrazione comunale sia stata informata della questione e di rimando in che modo la Procura della Repubblica di Macerata si stia muovendo per recuperare le fila dell’operazione. Ma anche il Comune sembra cadere dalle nuvole. «Credo che sia dovere di un consigliere comunale portare alla luce alcuni fatti e chiedere dei chiarimenti – incalza il capogruppo in Consiglio del comitato Anna Menghi –. Per questo mi piacerebbe sapere se la Procura della Repubblica di Macerata ha svolto delle indagini in merito alla segnalazione e invito l’Amministrazione comunale a vigiliare su alcune situazioni poco chiare che riguardano pure tutti i cittadini».

 

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle

Precedente Incidente in superstrada, gravissima 21enne di Cartoceto Successivo «Io e mia figlia siamo in mezzo alla strada»