Cena con Dialetto, la promozione del vernacolo fanese è servita

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Fano (Pesaro e Urbino), 20 ottobre 2015 – Un momento conviviale tutto da ridere, con le tipicità dell’enogastronomia e della comicità fanese. Un immaginario invito a cena tra il Lisippo e la Dea della Fortuna è l’idea nata dalla creatività di Nicola Zarri, titolare dell’omonima agenzia, per lanciare il primo appuntamento di “Cena con dialetto”, le serate evento che da ottobre saranno un appuntamento fisso mensile dedicato agli amanti del buon cibo e agli estimatori del dialetto fanese. “Protagonista assoluto il connubio tra dialetto e piatti tipici locali per serate all’insegna del mangiar bene e di qualità e del divertimento” spiega Zarri. Perché la scelta del dialetto? “Il dialetto fa parte del bagaglio culturale di ognuno di noi – prosegue Zarri -, è la nostra carta d’identità. E’ legato alla vita quotidiana della gente e rappresenta l’immediatezza del linguaggio anche attraverso l’espressione del viso o del corpo. Il dialetto è anche ironia ed è sinonimo di intelligenza e, grazie alla commedia leggera, è possibile parlare di noi, di fatti comuni, di quello che succede in città. Inoltre il teatro dialettale piace, incuriosisce, e suscita nello spettatore spunti di riflessione, facendo sorridere”.

Lo ha recentemente dimostrato il successo di pubblico e presenze alla settimana del dialetto fanese “Fan(no) Dialetto” organizzata negli esercizi commerciali della città dal direttore artistico Nicola Anselmi in collaborazione con la Pro Loco che ha avviato un progetto per la valorizzazione di questo patrimonio (linguistico) immateriale.

“Da qui l’idea di organizzare delle cene con intrattenimento e sketch di teatro dialettale a cura di attori e compagnie teatrali fanesi in collaborazione con i ristoranti della zona – continua Zarri -, che proporranno un menù a prezzo fisso (comprensivo di cena con prodotti del nostro territorio e spettacolo) in serate infrasettimanali, per consentire al ristoratore di realizzare degli incassi anche in giornate non particolarmente ricche di avventori.Grazie all’impegno dei numerosi artisti del territorio fanese che si esibiranno con letture di poesie, barzellette o spezzoni di spettacoli teatrali, il buon cibo servito sarà condito con il buonumore che il dialetto sa esprimere”.

Primo appuntamento venerdì 23 ottobre 2015 al ristorante Relais Villa Giulia, in località San Biagio 40 a Fano (Per prenotazioni 0721/823159. Opzioni menu di carne o vegetariano a 30 euro, comprende due primi, un secondo, un contorno, dolce, vino, acqua e caffè).

Il programma prevede poi un secondo appuntamento il 13 novembre con la “Cena con Dialetto” Da Ciarro al Lido di Fano, a cui seguiranno altre serate in calendario. “Le cene con spettacolo sono organizzate dall’agenzia Zarri Comunicazione, con la collaborazione di produttori e aziende del territorio, che potranno inserire i loro prodotti per arricchire i menu dei ristoratori e farli conoscere al pubblico presente durante le cene”.

Contribuire alla diffusione del dialetto, creando un connubio con il cibo – conclude Nicola Anselmi -, è la maniera più semplice per esprimere due doti artistiche nella convivialità di una serata leggera, culturale ed allo stesso tempo divertente”.

Infotel: 0721/1796620.

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Droga, denunciati tre spacciatori e segnalati tre consumatori minorenni Successivo Macerata, compra al supermarket un hamburger con la salmonella