Cerreto D’Esi – Depresso per la perdita del lavoro, operaio s’impicca in casa

IL BORGHIGIANO FABRIANO

Fonte foto dal web

tmp_10928-cerretodesi2114772091

HA FATTO tutto da solo nella sua abitazione di Cerreto d’Esi in via Esino dove viveva ormai da diversi anni. Un 54enne originario della Liguria ha deciso di farla finita al culmine di un periodo in cui soffriva di depressione forse anche a causa del problema lavoro, in quanto dopo essere stato a lungo operaio della Ardo-Antonio Merloni nello stabilimento fabrianese di Santa Maria, non è stato riassunto dalla nuova gestione. Oggi alle 10.30 al cimitero cerretese il rito civile per l’ultimo saluto all’uomo che aveva una compagna e che in paese descrivono come una persona riservata e piuttosto taciturna. «Mi era venuto a trovare quest’estate esternandomi tutta la sua preoccupazione per il lavoro», rivela Nicola Strambolini, titolare dell’omonima agenzia ecclesiastica a Fabriano ed ex collega proprio alla Ardo. «L’avevo visto decisamente provato». Di sicuro il suo era un disagio profondo, al punto che appena la scorsa settimana su Facebook aveva scritto: «la rabbia dentro distrugge»

FONTE IL RESTO DEL CARLINO ALESSANDRO DI MARCO 

Precedente Astronomia e biblioteca per bambini L'associazione Arcobaleno a pieni giri Successivo Truffa delle invalidità, coinvolte anche le Marche